Noticias

Queridos Italianos y Descendientes a traves de esta seccion comunicamos continuamente todas las noticias de la Comunidad Italiana en Argentina y el Exterior.

Dr.Rodolfo Borghese
Presidente Com.It.Es di Cordoba

TURNOS DE RECONOCIMIENTO DE CIUDADANIA ITALIANA EN CORDOBA

CONSULADO GENERAL DE ITALIA EN CORDOBA - ARGENTINA

Atención Durante el mes de ABRIL DE 2011 la oficina CIUDADANIAS recibirá (limitadamente a la disponibilidad de recepción de la misma) los turnos válidos de los años 2014, 2015, 2016 y 2017.
A causa del próximo Referendum del 12 y 13 de junio y de los múltiples compromisos de trabajo relacionados con ello, las SOLICITUDES DE CIUDADANIA SIN TURNOS serán recibidas a partir del 15 de junio de 2011 por la Oficina Ciudadanía (limitadamente a la disponibilidad de recepción de la misma).

REFERENDUM 12 E 13 GIUGNO 2011

REFERENDUM 12-13 giugno 2011

referendum 12 giugno.jpg

Los ciudadanos italianos residentes en el exterior y algunas categorías de connacionales temporáneamente residentes en el exterior, como aclarado sucesivamente, podrán votar para los referendum abrogativos del 12 y 13 de junio próximos. Los ciudadanos residentes e inscriptos en el AIRE votarán para los referendum exclusivamente por correspondencia en los Países con los cuales el Gobierno italiano suscribió los relativos acuerdos.


LEER COMUNICADO REFERENDUM 2011 VERSION EN ESPAÑOL

LEGGERE COMUNICATO REFERENDUM 2011 VERSIONE ITALIANO

Stesse domande del Referendum in lingua piu' comprensibile

Riproponiamo in una lingua che non sia il politichese, gli stessi quesiti del Referendum, sperando di fare cosa gradita ai nostri lettori.

Primo quesito (Acqua)
Vuoi eliminare la legge che da' l'affidamento a soggetti privati o privati pubblici la gestione deil servizio idrico?
Si' o No

Secondo quesito (Acqua)
Vuoi eliminare la legge che consente al gestore di avere un profitto proprio sulla tariffa dell'acqua, indipendente da un reinvestimento per la riqualificazione della rete idrica?
Si'o No

Terzo quesito (Centrali Nucleari)
Vuoi eliminare la legge che permette la costruzione di centrali nucleari sul territorio italiano?
Si'o No

Quarto quesito (Legittimo impedimento)
Vuoi eliminare la legge che permette al Presidente del Consiglio dei Ministri di non comparire in udienza penale durante la loro carica?
Si'o No

Come per ogni Referendum, non bastera' che vincano i SI, ma bisognera' raggiungere il quorum.
25 milioni di persone, il 50% degli aventi diritto, dovra' recarsi alle urne per rendere il Referendum valido.







a) referendum popolare n. 1 – Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici di rilevanza economica. Abrogazione;
b) referendum popolare n. 2 – Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma;
c) referendum popolare n. 3 – Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme;
d) referendum popolare n. 4 – Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale.

I cittadini italiani residenti all’estero e alcune categorie di connazionali temporaneamente all’estero, come meglio specificato oltre, possono votare per i referendum abrogativi del 12 e 13 giugno prossimo. Il voto per i referendum dei cittadini residenti in questa circoscrizione consolare di Cordoba ed iscritti all’AIRE si esprime esclusivamente per corrispondenza .
Anche i cittadini italiani temporaneamente all’estero come militari o appartenenti a forze di polizia in missione internazionale, come dipendenti di amministrazioni pubbliche per motivi di servizio ovvero come professori universitari ed i loro familiari conviventi potranno esprimere il voto per corrispondenza. Gli elettori temporaneamente all’estero appartenenti alle categorie sopraindicate ed i loro familiari conviventi, per poter esprimere il voto, dovranno sottoscrivere una dichiarazione ai fini elettorali entro l’8 maggio 2011.
Gli elettori residenti e temporanei all’estero riceveranno a domicilio, da parte del Consolato di riferimento, il plico elettorale contenente le schede e le istruzioni sulle modalità di voto.

Chi non ricevesse il plico elettorale entro il 29 maggio, potrà recarsi di persona all’Ufficio consolare di riferimento per verificare la sua posizione elettorale.
Chi si trovi temporaneamente all’estero e non appartenga alle tre categorie sopraindicate, può votare per i referendum solamente recandosi in Italia per esprimere il voto presso le sezioni istituite nel proprio Comune.

Concluse le operazioni, le schede votate dagli italiani residenti all’estero pervenute ai Consolati entro le ore 16,00 del 9 giugno 2011 saranno trasmesse in Italia, dove avrà luogo lo scrutinio a cura dell’Ufficio Centrale per la Circoscrizione Estero istituito presso la Corte di Appello di Roma.


I referendum abrogativi del 2011 si terranno in Italia il 12 e 13 giugno 2011[1][2].
I quattro quesiti referendari riguardano il legittimo impedimento, il decreto Ronchi e il ritorno all'energia nucleare.

Indice [nascondi]
1 L'iniziativa referendaria
2 La calendarizzazione
3 I quesiti
4 Note
5 Voci correlate
6 Collegamenti esterni
[modifica] L'iniziativa referendaria

I referendum sul legittimo impedimento e sull'energia nucleare sono stati organizzati su iniziativa dell'Italia dei Valori e in parte su iniziativa di associazioni ambientaliste.
I quesiti sui servizi idrici derivano da un'iniziativa civica.
[modifica] La calendarizzazione

Da calendarizzare, secondo legge, tra il 15 aprile e il 15 giugno, i referendum abrogativi sono stati infine fissati per il 12 e 13 giugno.
In un primo momento, era stato proposto l'accorpamento al primo o al secondo turno delle elezioni amministrative del 15-16 maggio. Tuttavia il Ministro degli Interni Roberto Maroni ha optato per la divisione delle due consultazioni, dichiarando che «il referendum si svolgerà il 12 e 13 giugno secondo una tradizione italiana che ha sempre distinto le due date»[1]. Secondo le opposizioni parlamentari, questa decisione costerà agli Italiani 300 milioni di euro in più rispetto ad un ipotetico accorpamento delle elezioni amministrative col referendum.[3]
[modifica] I quesiti

Primo quesito (Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione):
« Volete Voi che sia abrogato l’art. 23-bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e finanza la perequazione tributaria”, convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dall’art. 30, comma 26, della legge 23 luglio 2009, n. 99, recante “Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia”, e dall’art. 15 del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea”, convertito, con modificazioni, in legge 20 novembre 2009, n. 166, nel testo risultante a seguito della sentenza n. 325 del 2010 della Corte costituzionale? »
Secondo quesito (Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma):
« Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in materia ambientale”, limitatamente alla seguente parte: “dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito"? »
Terzo quesito (Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme):
« Volete voi che sia abrogato il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nel testo risultante per effetto di modificazioni ed integrazioni successive, recante “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e perequazione tributaria”, limitatamente alle seguenti parti:
art. 7, comma 1, lettera d: “d) realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare;”; nonché la legge 23 luglio 2009, n. 99, nel testo risultante per effetto di modificazioni ed integrazioni successive, recante “Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia”, limitatamente alle seguenti parti: art. 25, comma 1, limitatamente alle parole: “della localizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di impianti di fabbricazione del combustibile nucleare,”; art. 25, comma 1, limitatamente alle parole: “Con i medesimi decreti sono altresì stabiliti le procedure autorizzative e i requisiti soggettivi per lo svolgimento delle attività di costruzione, di esercizio e di disattivazione degli impianti di cui al primo periodo.”; art. 25, comma 2, lettera c), limitatamente alle parole: “, con oneri a carico delle imprese coinvolte nella costruzione o nell’esercizio degli impianti e delle strutture, alle quali è fatto divieto di trasferire tali oneri a carico degli utenti finali”; art. 25, comma 2, lettera d), limitatamente alle parole: “che i titolari di autorizzazioni di attività devono adottare”; art. 25, comma 2, lettera g), limitatamente alle parole: “la costruzione e l’esercizio di impianti per la produzione di energia elettrica nucleare e di impianti per”; art. 25, comma 2, lettera g), limitatamente alla particella “per” che segue le parole “dei rifiuti radioattivi o”; art. 25, comma 2, lettera i): “i) previsione che le approvazioni relative ai requisiti e alle specifiche tecniche degli impianti nucleari, già concesse negli ultimi dieci anni dalle Autorità competenti di Paesi membri dell’Agenzia per l’energia nucleare dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (AENOCSE) o dalle autorità competenti di Paesi con i quali siano definiti accordi bilaterali di cooperazione tecnologica e industriale nel settore nucleare, siano considerate valide in Italia, previa approvazione dell’Agenzia per la sicurezza nucleare;”; art. 25, comma 2, lettera l), limitatamente alle parole: “gli oneri relativi ai”; art. 25, comma 2, lettera l), limitatamente alle parole: “a titolo oneroso a carico degli esercenti le attività nucleari e possano essere”; art. 25, comma 2, lettera n): “n) previsione delle modalità attraverso le quali i produttori di energia elettrica nucleare dovranno provvedere alla costituzione di un fondo per il «decommissioning»;”; art. 25, comma 2, lettera o), limitatamente alla virgola che segue le parole “per le popolazioni”; art. 25, comma 2, lettera o), limitatamente alle parole: “, al fine di creare le condizioni idonee per l’esecuzione degli interventi e per la gestione degli impianti”; art. 25, comma 2, lettera q): “q) previsione, nell’ambito delle risorse di bilancio disponibili allo scopo, di una opportuna campagna di informazione alla popolazione italiana sull’energia nucleare, con particolare riferimento alla sua sicurezza e alla sua economicità.”; art. 25, comma 3: “Nei giudizi davanti agli organi di giustizia amministrativa che comunque riguardino le procedure di progettazione, approvazione e realizzazione delle opere, infrastrutture e insediamenti produttivi concernenti il settore dell’energia nucleare e relative attività di espropriazione, occupazione e asservimento si applicano le disposizioni di cui all’art. 246 del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.”; art. 25, comma 4: “4. Al comma 4 dell’articolo 11 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, dopo le parole: «fonti energetiche rinnovabili» sono inserite le seguenti: «, energia nucleare prodotta sul territorio nazionale».”; art. 26; art. 29, comma 1, limitatamente alle parole: “gli impieghi pacifici dell’energia nucleare,”; art. 29, comma 1, limitatamente alle parole: “sia da impianti di produzione di elettricità sia”; art. 29, comma 1, limitatamente alle parole: “costruzione, l’esercizio e la”; art. 29, comma 4, limitatamente alle parole: “nell’ambito di priorità e indirizzi di politica energetica nazionale e”; art. 29, comma 5, lettera c), limitatamente alle parole: “sugli impianti nucleari nazionali e loro infrastrutture,”; art. 29, comma 5, lettera e), limitatamente alle parole: “del progetto, della costruzione e dell’esercizio degli impianti nucleari, nonché delle infrastrutture pertinenziali,”; art. 29, comma 5, lettera g), limitatamente alle parole: “, diffidare i titolari delle autorizzazioni”; art. 29, comma 5, lettera g), limitatamente alle parole: “da parte dei medesimi soggetti”; art. 29, comma 5, lettera g), limitatamente alle parole: “di cui alle autorizzazioni”; art. 29, comma 5, lettera g), limitatamente alla parola: “medesime”; art. 29, comma 5, lettera h): “h) l’Agenzia informa il pubblico con trasparenza circa gli effetti sulla popolazione e sull’ambiente delle radiazioni ionizzanti dovuti alle operazioni degli impianti nucleari ed all’utilizzo delle tecnologie nucleari, sia in situazioni ordinarie che straordinarie;”; art. 29, comma 5, lettera i), limitatamente alle parole: “all’esercizio o”; art. 133, comma 1, lettera o) del d.lgs. 2 luglio 2010, n. 104 limitatamente alle parole “ivi comprese quelle inerenti l’energia di fonte nucleare”; nonché il decreto legislativo 15 febbraio 2010, n. 31, nel testo risultante per effetto di modificazioni ed integrazioni successive, recante “Disciplina della localizzazione, della realizzazione e dell’esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di impianti di fabbricazione del combustibile nucleare, dei sistemi di stoccaggio del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi, nonché misure compensative e campagne informative al pubblico, a norma dell’art. 25 della legge 23 luglio 2009, n. 99”, limitatamente alle seguenti parti: il titolo del decreto legislativo, limitatamente alle parole: “della localizzazione, della realizzazione e dell’esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di impianti di fabbricazione del combustibile nucleare,”; il titolo del decreto legislativo, limitatamente alle parole: “e campagne informative al pubblico”; art. 1, comma 1, limitatamente alle parole: “della disciplina della localizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare, di impianti di fabbricazione del combustibile nucleare,”; art. 1, comma 1, lettera a): “a) le procedure autorizzative e i requisiti soggettivi degli operatori per lo svolgimento nel territorio nazionale delle attività di costruzione, di esercizio e di disattivazione degli impianti di cui all’art. 2, comma 1, lettera e), nonché per l’esercizio delle strutture per lo stoccaggio del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi ubicate nello stesso sito dei suddetti impianti e ad essi direttamente connesse;”; art. 1, comma 1, lettera b): “b) il Fondo per la disattivazione degli impianti nucleari;”; art. 1, comma 1, lettera c): “c) le misure compensative relative alle attività di costruzione e di esercizio degli impianti di cui alla lettera a), da corrispondere in favore delle persone residenti, delle imprese operanti nel territorio circostante il sito e degli enti locali interessati;”; art. 1, comma 1, lettera d), limitatamente alle parole: “e future”; art. 1, comma 1, lettera g): “g) un programma per la definizione e la realizzazione di una “Campagna di informazione nazionale in materia di produzione di energia elettrica da fonte nucleare”;”; art. 1, comma 1, lettera h): “h) le sanzioni irrogabili in caso di violazione delle norme prescrittive di cui al presente decreto.”; art. 2, comma 1, lettera b): “b) “area idonea” è la porzione di territorio nazionale rispondente alle caratteristiche ambientali e tecniche ed ai relativi parametri di riferimento che qualificano l’idoneità all’insediamento di impianti nucleari;”; art. 2, comma 1, lettera c): “c) “sito” è la porzione dell’area idonea che viene certificata per l’insediamento di uno o più impianti nucleari;”; art. 2, comma 1, lettera e): “e) “impianti nucleari” sono gli impianti di produzione di energia elettrica di origine nucleare e gli impianti di fabbricazione del combustibile nucleare, realizzati nei siti, comprensivi delle opere connesse e delle relative pertinenze, ivi comprese le strutture ubicate nello stesso sito per lo stoccaggio del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi direttamente connesse all’impianto nucleare, le infrastrutture indispensabili all’esercizio degli stessi, le opere di sviluppo e adeguamento della rete elettrica di trasmissione nazionale necessarie all’immissione in rete dell’energia prodotta, le eventuali vie di accesso specifiche;”; art. 2, comma 1, lettera f): “f) “operatore” è la persona fisica o giuridica o il consorzio di persone fisiche o giuridiche che manifesta l’interesse ovvero è titolare di autorizzazione alla realizzazione ed esercizio di un impianto nucleare;”; art. 2, comma 1, lettera i), limitatamente alle parole: “dall’esercizio di impianti nucleari, compresi i rifiuti derivanti”; art. 3, comma 1, limitatamente alle parole: “, con il quale sono delineati gli obiettivi strategici in materia nucleare, tra i quali, in via prioritaria, la protezione dalle radiazioni ionizzanti e la sicurezza nucleare”; art. 3, comma 1, limitatamente alle parole: “la potenza complessiva ed i tempi attesi di costruzione e di messa in esercizio degli impianti nucleari da realizzare,”; art. 3, comma 1, limitatamente alle parole: “valuta il contributo dell’energia nucleare in termini di sicurezza e diversificazione energetica,”; art. 3, comma 1, limitatamente alle parole: “, benefici economici e sociali e delinea le linee guida del processo di realizzazione”; art. 3, comma 2: “2. La Strategia nucleare costituisce parte integrante della strategia energetica nazionale di cui all’art. 7 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.”; art. 3, comma 1, lettera a): “a) l’affidabilità dell’energia nucleare, in termini di sicurezza nucleare ambientale e degli impianti, di eventuale impatto sulla radioprotezione della popolazione e nei confronti dei rischi di proliferazione;”; art. 3, comma 3, lettera b): “b) i benefici, in termini di sicurezza degli approvvigionamenti, derivanti dall’introduzione di una quota significativa di energia nucleare nel contesto energetico nazionale;”; art. 3, comma 3, lettera c): “c) gli obiettivi di capacità di potenza elettrica che si intende installare in rapporto ai fabbisogni energetici nazionali ed i relativi archi temporali;”; art. 3, comma 3, lettera d): “d) il contributo che si intende apportare, attraverso il ricorso all’energia nucleare, in quanto tecnologia a basso tenore di carbonio, al raggiungimento degli obiettivi ambientali assunti in sede europea nell’ambito del pacchetto clima energia nonché alla riduzione degli inquinanti chimico-fisici;”; art. 3, comma 3, lettera e): “e) il sistema di alleanze e cooperazioni internazionali e la capacità dell’industria nazionale ed internazionale di soddisfare gli obiettivi del programma;”; art. 3, comma 3, lettera f): “f) gli orientamenti sulle modalità realizzative tali da conseguire obiettivi di efficienza nei tempi e nei costi e fornire strumenti di garanzia, anche attraverso la formulazione o la previsione di emanazione di specifici indirizzi;”; art. 3, comma 3, lettera g), limitatamente alle parole: “impianti a fine vita, per i nuovi insediamenti e per gli”; art. 3, comma 3, lettera h): “h) i benefici attesi per il sistema industriale italiano e i parametri delle compensazioni per popolazione e sistema delle imprese;”; art. 3, comma 3, lettera i): “i) la capacità di trasmissione della rete elettrica nazionale, con l’eventuale proposta di adeguamenti della stessa al fine di soddisfare l’obiettivo prefissato di potenza da installare;”; art. 3, comma 3, lettera l): “l) gli obiettivi in materia di approvvigionamento, trattamento e arricchimento del combustibile nucleare.”; l’intero Titolo II, rubricato “Procedimento unico per la localizzazione, la costruzione e l’esercizio degli impianti nucleari; disposizioni sui benefici economici per le persone residenti, gli enti locali e le imprese; disposizioni sulla disattivazione degli impianti”, contenente gli artt. da 4 a 24; art. 26, comma 1, limitatamente alle parole: “della disattivazione”; art. 26, comma 1, lettera d), limitatamente alle parole: “riceve dagli operatori interessati al trattamento ed allo smaltimento dei rifiuti radioattivi il corrispettivo per le attività di cui all’art. 27, con modalità e secondo tariffe stabilite con decreto del Ministero dello sviluppo economico di concerto con il Ministero dell’economia e finanze, ed”; art. 26, comma 1, lettera d), limitatamente alle parole: “, calcolate ai sensi dell’art. 29 del presente decreto legislativo”; art. 26, comma 1, lettera e), limitatamente alle parole: “, al fine di creare le condizioni idonee per l’esecuzione degli interventi e per la gestione degli impianti”; art. 27, comma 1, limitatamente alle parole: “e sulla base delle valutazioni derivanti dal procedimento di Valutazione Ambientale Strategica di cui all’art. 9”; art. 27, comma 4, limitatamente alle parole: “, comma 2”; art. 27, comma 10, limitatamente alle parole: “Si applica quanto previsto dall’art. 12.”; art. 29; art. 30, comma 1, limitatamente alle parole: “riferito ai rifiuti radioattivi rinvenienti dalle attività disciplinate dal Titolo II del presente decreto legislativo ed uno riferito ai rifiuti radioattivi rinvenienti dalle attività disciplinate da norme precedenti”; art. 30, comma 2: “2. Per quanto concerne i rifiuti radioattivi derivanti dalle attività disciplinate dal Titolo II del presente decreto legislativo, il contributo di cui al comma 1 è posto a carico della Sogin S.p.A. secondo criteri definiti con decreto del Ministro dello Sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’ambiente e la tutela del territorio e del mare e con il Ministro dell’economia e finanze che tiene conto del volume complessivo e del contenuto di radioattività. Tale contributo è ripartito secondo quanto previsto all’art. 23 comma 4.”; art. 30, comma 3: “3. La disposizione di cui al comma 2 non si applica ai rifiuti radioattivi derivanti da attività già esaurite al momento dell’entrata in vigore del presente decreto, per i quali rimane ferma la disciplina di cui all’art. 4 del decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 dicembre 2003, n. 368, così come modificato dall’art. 7-ter del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n 13.”; l’intero Titolo IV, rubricato “Campagna di informazione”, contenente gli artt. 31 e 32; art. 33; art. 34;

art. 35, comma 1: “1. Sono abrogate le seguenti disposizioni di legge: a) articolo 10 della legge 31 dicembre 1962, n. 1860; b) articoli 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 20, 22 e 23 della legge 2 agosto 1975, n. 393.” »
Quarto quesito (Abrogazione della legge 7 aprile 2010, n. 51 in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale):
« Volete voi che siano abrogati l'articolo 1, commi 1, 2, 3, 5 e 6, nonché l'articolo 2, della legge 7 aprile 2010, n. 51, recante "Disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza"? »

BECAS EN ECONOMIA PARA LA UNIVERSIDAD DE BOLOGNA

La Universidad de Bologna ofrece becas parciales para el Curso de Diplomatura Magistral Internacional en “Economics and Market Policy”, a desarrollarse en la Facultad de Economía de Rimini. Ver programa en http://corsi.unibo.it/EPM. Vencimiento de las presentaciones: 30 de abril. Mayor información en http://www.unibo.it Home > Relazioni Internazionali o contactarse a economiarimini.orientamento@unibo.it

Messaggio di Frattini agli italiani d'Argentina

Toccata e fuga del Ministro Frattini - A causa delle note vicende parlamentari in Italia, il Ministro degli esteri italiano è arrivato in ritardo a Buonos Aires e ripartirà in anticipo, non rimanendo sul suolo argentino neppure un’intera giornata.
Il suo programma si è ristretto così:
- Commissione Mista da parte dei Ministri degli Esteri
- Incontro con il Presidente della Repubblica Cristina Fernández de Kirchner
- Bilaterale con il Ministro degli esteri Timerman
Sono quindi saltati molti degli impegni previsti in un primo momento. Neppure a parlare di un incontro con la comunità o almeno con i loro rappresentanti. Ma Frattini ha avuto la sensibilità di indirizzare un suo messaggio agli italiani d’Argentina.

Messaggio alla collettività del Ministro degli Affari Esteri On. Franco Frattini che domani sarà pubblicato dal quotidiano italiano in Argentina "L'ITALIANO"
Mi rivolgo, in occasione della mia visita in Argentina, ai connazionali che vivono qui e ai milioni di cittadini di origine italiana.
La mia visita sarà purtroppo breve, anche più di quanto avessi previsto, per le esigenze delle varie crisi internazionali che mi hanno costretto a ritardare la partenza dall’Italia.
Sono qui per rilanciare, a dieci anni dall’ultima visita di un Ministro degli Esteri italiano, le storiche relazioni politiche, economiche, culturali tra Italia e Argentina.
Molto, nel valore aggiunto delle nostre relazioni bilaterali, si deve a voi, cittadini italiani e di origine italiana: alla vostra capacità, al coraggio, alla laboriosità e ai successi che hanno contraddistinto la vostra presenza in questo grande paese. So che portate l’Italia nel cuore, e quest’anno, nel celebrare 150 anni dell’Unità italiana, l’America latina ricorda in modo tutto speciale Giuseppe Garibaldi, l’eroe dei due mondi per la libertà di tante terre in questo continente, oltre che l’artefice della unificazione della nostra Patria.
Voi rappresentate per l’Italia motivo di orgoglio, avete eletto al Parlamento italiano Senatori e Deputati che partecipano con serietà all’attività legislativa italiana ma conservano forte il rapporto con gli elettori e le comunità.
L’Italia, tutta, e il Governo italiano vi sono vicini, l’Ambasciata e i Consolati sono e saranno al servizio di un ancora piu’ stretto e continuo rapporto, intervenendo ove occorra far fronte a vostre difficoltà.
Care amiche e cari amici, non ho potuto incontrarvi, come avrei voluto, personalmente. Ma attraverso questo messaggio vi giunga il senso dell’affetto dell’Italia, l’orgoglio e il ringraziamento per come ogni giorno esprimete il meglio della nostra Italia.
Un augurio perché possiate realizzare i vostri desideri e le vostre speranze.
Franco Frattini

VILLA DOLORES 100 AÑOS DE LA ASOCIACION ITALIANA ROMA

IMG_0023.JPG

Cada familia de nuestra tierra tiene una historia de inmigrantes. Personas que abandonaron el viejo continente para buscar mejores horizontes, una mejor vida que la ofrecida en sus tierras. Y en Villa Dolores, desde hace un siglo. El 26 de marzo se festeja la fundación de la Asociación Italiana de Socorros Mutuos Cultural y Recreativo Roma.
El actual presidente, ingeniero Ricardo José Beretta, sostuvo que los italianos que fundaron la institución buscaron sentirse seguros, protegidos en estas tierras desconocidas y nuevas.
Homenaje
Los festejos comenzaron con una misa celebrada por el presbitero Zapia en el templo de la Parroquia Nuestra Señora de los Dolores.
Luego se dirigieron a la necrópolis de nuestra ciudad para rendir homenaje a los socios. Allí, Dolly Cometto, pronunció un emotivo discurso.
La integrante de la comisión, destacó la meta que tenían los primeros inmigrantes: «Trabajaron mucho para hacer nuestra patria y ellos no se olvidaron de su tierra, siempre la tenian presente, pero valoraban este país que los cobijó», agregando: «Sabían lo que querían hacer y qué pretendían para sus descendientes; nos legaron la cultura, el ahorro del trabajo y los valores de familia».
Ceremonia protocolar
En la nueva sede del municipio, la Asociación Italiana ofreció un acto formal al cual acudieron el coordinador general del gobierno municipal, Eduardo Anibal Olmedo, el legislador Italo Gudiño; por el Concejo Deliberante, su presidente Jorge Leonardo Asia; el secretario de Gobierno, Sergio Quiroga, entre otros funcionarios de nuestra ciudad.
Además, en el acto se destacó la presencia del presidente del Comité de Italianos del Exterior (COMITES), Dr. Rodolfo Borghese.
«Aquellos que llevan sangre italiana en sus venas, es una sangre que no se borrará nunca jamás y decirles que Italia no los han olvidado, ni a sus hijos, ni a los hijos de sus hijos», proclamó Borghese.

En el acto se entregaron placas de reconocimiento a los nietos del primer presidente de la Sociedad Italiana, Mario Fircoli y a Graciela y Adriana Garcia Fircoli, por su señora madre por el trabajo cultural en la asociación.
Sumado a ello, se destacó la labor de Irene Lépore de Romero, quien entre 1965 y 1966 presidió las Damas de la Sociedad Italiana y trabajó por la ampliación del panteón como también, por la unificación de las comisiones de hombres y mujeres.
El cierre del acto, estuvo galardonado por el tenor Tomás Senczyna, quién interpretó «Torna a Surriento» y «Una Furtiva Lágrima».
Cena de Camaradería
Después del acto, se descubrieron tres placas en la sede de la Asociación, de Belgrano al 85: una por parte de la Municipalidad, otra del Comité de Italianos del Exterior y la última, dispuesta por la misma comisión.


EL ACTO EN LA NUEVA MUNICIPALIDAD

El Centenario de la Asociación Italiana de Socorros Mutuos de Villa Dolores fue celebrado en el hall central del nuevo Palacio Municipal.-

En representación del municipio lo hicieron el Presidente del Concejo Deliberante Jorge Leonardo Asia y el Secretario Coordinación de Gobierno Eduardo Olmedo y otros funcionarios del estado municipal.-

Junto al presidente de la entidad italiana Ricardo Beretta, estuvo presente el presidente del Cómites Dr. Rodolfo Borghese, representante en Córdoba de los connacionales en el exterior.-

La Municipalidad entregó al diplomático la bandera de la ciudad y material bibliográfico de Villa Dolores.-

Borghese obsequió al municipio un mural de Manuel Belgrano en Génova y un mapa de Italia.-

La Secretaria de Desarrollo Sustentable Adriana Asis, al hablar en nombre del municipio destacó en la colectividad "la dedicación por conservar viva entre sus descendientes la lengua nativa, la tradición y la historia y fomentar los lazos afectivos en adhesión a la vieja patria".-

Al referenciar "el renovado impulso por la búsqueda de las raíces de los descendientes" puso de ejemplo el espíritu progresista del Intendente Juan Pereyra "que como ellos -dijo- impulsa esta gestión de gobierno para hacer grande la ciudad, fijando políticas claras de desarrollo que reivindican lo soñado por nuestros ancestros. Esos sueños que pocos políticos supieron interpretar y que con la cultura del conformismo no dejaron despertar".-

Formuló una invitación a ser protagonistas cada día, de una ciudad grande y generosa, donde cada acción sea pensando primero en Villa Dolores, resalto.-

También hablaron Ricardo Beretta y el Dr. Rodolfo Borghese.-

TRADUCTORES OFICIALES DE ITALIANO EN CORDOBA

Albert, Teresa Raquel
Bv. Illia 451 5ordm; "B" - Centro - Córdoba
Tel.: 4115593
E-mail: teralbert2004@yahoo.com.ar - teralbert@hotmail.com

Alderete Liliana
Huaco 4136, Bº Parque Atlántica
Tel.: 4612953
Email: alderete_liliana@hotmail.com

Agüero, Carolina Edith
24 de Septiembre 2673 P. "A" - Bº Altos de General Paz
Tel.: 155076483
E-mail: carolinaaltagu@yahoo.com.ar

Amador, Élida Silvina
Pachi Gorriti 1552 - Bº Alte. Brown - San Salvador de Jujuy- CP. 4600
Tel.: 0388-155049117
Caseros 1244 3º "B" Bº Alberdi - Córdoba
Tel.: 155609646
E-mail: amadorsilvina@hotmail.com

Avalle de Russo, Estela
Toledo 2462 - Bº Maipú 1º Sección - Córdoba Capital
Tel.: 4552550

Bakmaz, Marta Susana
D' Alembert 5540 (ex 3038) - Bº Villa Belgrano - Córdoba Capital
Tel.: 03543-428189

Bazzoli Cecilia Margarita
La Trinchera 1973
Bº Empalme
Tel.: 4561791
E-mail: ceciliabazzoli@hotmail.com
Bottan, Alicia Alejandra
Perez Arzeno 5792 B° Jorge Newery - Córdoba Capital
Tel: 4924373 / 155740158
E-mail: asbottan@arnet.com.ar / aabottan_traduzioni@yahoo.it

Bottini Virginia
Cartagena 2171 - Bº Crisol
Tel.: 4585811 / 153586287
Email: virbottini@hotmail.com

Bortolon, Mariela Andrea
Javier Lopéz 1283 - B° Bajo Palermo - Córdoba Capital
Tel:4816100
E-mail: marielabortolon@gmail.com

Brunello, Isabel Gabriela
Florida 971 1º piso Loc. 55
Retiro - Capital Federal - Ciudad Autónoma de Buenos Aires
Tel.: 011-52792728
Email: euroconsulta@gmail.com

Bustos, Sandra Isabel
Virgilio Moyano 869 - Res. V. Sársfield - Córdoba Capital
Tel.: 4613578 / 156889182
E-mail: trad.sandrabustos@gmail.com / pulcinella_colombina@yahoo.com.ar

Carlini, Marisa
Ariza 2865 - B° Alto San Vicente
Tel.: 0351-4552158
E-mail: marisacar@msn.com

Cassataro, Ana Laura
San Martín 347 Piso 6º Dpto. "F" - Centro
Tel.: 4218794
E-mail: italiatraducciones@hotmail.com / analauracassataro@yahoo.it / analaura_cassataro@yahoo.com.ar

Ceballos Aybar, Norma R.
Corro 125, Piso 2º Dpto. 3 - Bº Centro - Córdoba Capital
Tel.: 4215870
E-mail: ceballos@fl.unc.edu.ar

Cariddi, Inmaculada
Duarte Quirós 2727 - Bº Alto Alberdi - Córdoba
Tel.: 4896425
E-mail: mirijuarez@yahoo.com.ar

Ciuro, Rosario Paola Lorena
Bv. San Juan 1297 - Bº Paso de los Andes
Tel.: 4271618 / 152290077
E-mail: lorena.ciuro@gmail.com

Corigliani, Patricia Analía
Jujuy 127 - Centro - Córdoba Capital
Tel.: 155286945
E-mail: pcorigliani@yahoo.com

Dalla Fenice, Romina Cecilia
Faustino Allende 755 Planta Baja Dpto. "2" Bº Cofico
Tel.: 0351-156762393
E-mail: rdf96@hotmail.com

Del Frari, Lilian Inés
Velez Sarsfield 156 Local 15 B° / Belgrano 157 Local 15 Centro
Tel.: 4521044 / 4250061 / 155382096
E-mail: traductoraldf@hotmail.com

D'Eramo, Vanesa Olga
Av. Garibaldi 1211 - Bº Banda Norte - Río IV
Tel: 0358- 4780210 / 156024179 / 155073400
E-mai: vd_eramo@yahoo.com.ar

Fontanini, Miriam Graciela
Avda. 24 de Septiembre 1236 - Dpto. 302 - Bº General Paz
Tel.: 4523895
E-mail: mirfont@hotmail.com

Gallo, Ivana Mariela
Jerónimo del Barco 74 - Villa del Rosario - Córdoba
Tel.: 03573-15458203

Gámez, María Gisella
Echeverría 749 - B° Quintas del Mirador
Tel.: 4801552 / 156502395
E-mail: stergw@gmail.com

Gatti, Carolina
Caseros 679 7º "B" Bº Alberdi
Tel.: 4218393 / 156144966
E-mail: tradcarogatti@gmail.com / tradcarogatti@yahoo.com

Gavosto, Vivian Raquel
Campanario 2530 - Bº Parque Capital
Tel.: 4654969
Hipólito Yrigoyen 516 - San Francisco
Tel.: 03564-425242
Email: vivigavosto@hotmail.com

Giavedoni, Noemí
Santa Rosa 72 - Bº Centro - Córdoba Capital
Tel.: 4241031
E-mail: pazgiave@hotmail.com

Gioino, Sandra Rita Rosa
Av. Tronador 1792 - B° Parque Capital
Tel.: 4657503
E-mail: sandragioino@arnet.com.ar

Guazzaroni de Redolfi, Flavia
Buenos Aires 1070, 3º “B” - Villa María
Tel.: 0353-4521053

Guerra, Sonia F. Ximena
9 de Julio 679 P.B. "C" - Centro
Tel.: 4114562 / 155391219
E-mail: ximenaguerra@hotmail.com

Ibarra, María Ester
San Ignacio s/n - Bº Los Carolinos
Tel.: 03543-446308
Duarte Quiros 225 Torre II 3º "C" - Centro
Tel.: 4250573
E-mail: ibarratraducciones@hotmail.com / ibarratraducciones@yahoo.com.ar

Laffitte, Adriana Claudia
Los Cerros 1404 Bº La Cuesta
Villa Carlos Paz
5152 - Córdoba
Tel.: 03541-431423 / 03541-15652184
E-mail: adrilaffitte@hotmail.com

Leone, Graciela Carmen
Serapio Ovejero 2938 - Bº Villa Azalais - Córdoba
Tel.: 4788530 - 156530314
E-mail: gracielaleone.59@gmail.com

Lupidi, Eliana Celeste
Av. Colón 635 2º”A”- Centro
Tel.: 0351-155918571
E-mail: elianalupidi@hotmail.com / elianalupidi@yahoo.it

Lupotti, Emma María
San Lorenzo 595 10° "B" - B° Nueva Córdoba
Córdoba Capital
Tel.: 4250099
E-mail: elupotti@hotmail.com

Martín, Claudio Alejandro
Av. Colón 56 3° - "B" Centro
Tel.: 0351 - 155430137
E-mail: figaroclau@yahoo.com

Micheli, Silvia Rosario
Benigno Acosta 4506 - Bº Cerro de las Rosas
Tel.: 4825217
E-mail: silviarosariomicheli@hotmail.com

Miné, Patricia Beatríz
Armenia 1843 - Bº Pueyrredón - Córdoba Capital
Tel.: 4531126
E-mail: minepatricia@hotmail.com

Oro, Cecilia
Benito Graña 80 - Bº General Paz - Córdoba
Tel.: 4523449
E-mail: cecioro18@yahoo.com.ar

Panetta, Concepción A.
Galería Cinerama Loc. E. Nº 5 y 6 - Centro - Córdoba Capital
Tel.: 4715758

Peretti, Marisa
Tarija 2185 - B° Talleres Este
Tel.: 153460244
E-mail: marisaperetti@gmail.com

Perez, Noelia Silvia
Perez de Denis 2468 - B° Patricios
Tel.: 4781121 / 156096899
E-mail: pereznoelia@live.com

Pisoni, María Isabel
Félix Frías 290 7º "B" - Bº General Paz - Córdoba Capital
Tel.: 4211197 / 155446543
E-mail: isabelpisoni@hotmail.com

Rodríguez Knöpfler, Elizabeth Gilda
27 de Abril 1116 - Centro
Tel.: 153533248
E-mail: gildaerk@yahoo.com.ar

Ruiz, Sandra Leticia
Chile 846 - Villa María
Tel.: 0353 - 155186489
E-mail: sandraleticiaruiz@hotmail.com

Salandri, Nadia
Avda. Valparaíso 4241 - Bº Barrancas Sur - Córdoba
Tel: 4614477 / 0351-152079954
E-mail: nsalandri@hotmail.com

Sallitto, Aida
Ayacucho 195 P. 3º Dpto. "2" - Centro
Tel: 4257323 / 155552090
E-mail: aida_sallitto@hotmail.com

Schenone, Silvina Patricia
Duarte Quirós 651 11º "B" - Centro
Tel: 4113146 / 156506215
E-mail: patriciaschenone@hotmail.com

Sosa, Ana Eugenia
Bv. San Juan 951 Local 5 Centro
Tel.: 0351-4225605 / 153257389
E-mail: ana@mediarservicios.com.ar / servicios@mediarservicios.com.ar

Storani, Elena Laura
Santiago del Estero 871 - Río Cuarto - C.P. 5800
Tel.: 0358-4638708
E-mail: est-medina-storani@arnet.com.ar

Sueldo, Laura N.
Pje. Adolfo Dávila 607 - Bº Las Palmas - Córdoba Capital
Tel.: 4845577
E-mail: laurasueldo64@hotmail.com

Tabares, Adriana Enid
Alfredo Schiuma 2812 - B° El Trébol
Tel.: 4898570
E-mail: adritabares@hotmail.com

Tedesco, Marina Estefania
Nicolás Berrotarán 1719 - B° Cerro de las Rosas
Tel.: 4818691
27 de Abril 424 5° "B" - Centro
Tel./Fax: 4213322
E-mail: mtedesco@camitcor.com.ar

Trionfetti, Fabiana Mariela
Chacabuco 459 - Monte Buey CP. 2589 - Córdoba
Tel.: 03467-472169 / 03467-15417113
E-mail: ftrionfetti@yahoo.com

Valdrini, Renata
Bartolomé Mitre 1148 - Oncativo - C.P. 5986 -
Tel.: 03572-462247
E-mail: rvaldrini@yahoo.com.ar

Vardanega, Graciela Rosa
José María Gómez 913 - Villa General Belgrano
Tel.: 03546-462167
E-mail: gracielavardanega@hotmail.com / grav@calamuchitanet.com.ar

Voltarel, Silvina María
Juan Rodríguez 2408 - Bº Colón
Tel.: 4565421
E-mail: silvina_voltarel@hotmail.com

Wroblewicz, María Laura
Manuel de Falla 7335 - Complejo Aires del Oeste - Casa 1 - Villa Rivera Indarte
Tel.: 03543-402391 / 0351-155940728
E-mail: marialauw@hotmail.com

Como es la boleta unica - Elecciones en Cordoba Argentina

El nuevo sistema que se implementará el 7 de agosto en Córdoba

La Boleta Única de Sufragio se usará para elegir gobernador en los próximos comicios provinciales.
El diseño no sólo depende de lo que indica el Código Electoral provincial, sino, también, de lo que reglamente el Tribunal Electoral.
Las autoridades electorales estan preparando una amplia campaña de difusión para explicar cómo será la votación.
Las discrepancias entre los partidos políticos y la Justicia surge sobre cómo se regulará, entre otras cosas, los votos válidos, nulos y las impugnaciones.

Lo que dice la ley

La boleta única estará dividida en espacios, franjas o columnas de igual dimensión para cada partido, alianza o confederación política que cuente con listas de candidatos oficializadas. Los espacios, franjas o columnas contendrán: 1) el nombre del partido, alianza o confederación política; 2) la sigla, monograma, logotipo, escudo, símbolo, emblema o distintivo que el partido, alianza o confederación política haya solicitado utilizar al momento de registrar su lista de candidatos; 3) fotografía color del candidato a cargo ejecutivo o unipersonal; 4) el nombre y apellido completos de los candidatos a gobernador y vicegobernador; 5) el nombre y apellido completos de los candidatos titulares y suplentes a legislador por distrito único, debiendo estar resaltados con una tipografía mayor los primeros 3 candidatos titulares; 6) el nombre y apellido completos del candidato titular y suplente a legislador departamental; 7) el nombre y apellido completos de los candidatos a miembros del tribunal de cuentas de la Provincia, titulares y suplentes; 8) un casillero en blanco próximo a cada tramo de cargo electivo, a efecto de que el elector marque con una cruz, tilde o símbolo similar la opción electoral de su preferencia, y 9) un casillero en blanco, de mayores dimensiones que el especificado en el inciso anterior, ubicado en el margen superior derecho del espacio, franja o columna de cada una de las agrupaciones políticas intervinientes, para que el elector marque con una cruz, tilde o símbolo similar la opción electoral de su preferencia por lista completa de candidatos.

Municipios. Cuando una municipalidad o comuna convoque a elecciones en la misma fecha fijada para la Provincia, la boletas contendrá además: a) el nombre y apellido completos del candidato a intendente, del viceintendente si lo hubiere, concejales titulares y suplentes; o en su caso, de los candidatos a miembros titulares y suplentes de la comisión comunal; b) el nombre y apellido completos de los candidatos a miembros del tribunal de cuentas, titulares y suplentes.

Diseño. Los requisitos son: 1) anverso: a) el año de la elección; b) la individualización de la sección y circuito electoral; c) el número de mesa, y d) instrucciones para la emisión del voto. 2) Reverso: un espacio demarcado para que inserten las firmas las autoridades de mesa y los fiscales de mesa de los partidos, alianzas o confederaciones políticas; 3) la impresión será en idioma español, con letra tipo Arial, de tamaño 8 de mínima y 12 de máxima, en papel no transparente con la indicación gráfica de sus pliegues, pudiendo resaltarse en mayor tamaño el nombre y apellido del candidato a: gobernador, primer legislador por distrito único, legislador por departamento y primer candidato a miembro del tribunal de cuentas, e intendente municipal o presidente comunal, en su caso; 4) Tendrá una dimensión no inferior a los 420 milímetros de ancho por 297 milímetros de alto, quedando facultado el Juzgado Electoral a establecer el tamaño máximo de acuerdo con el número de partidos, alianzas o confederaciones políticas que intervengan en la elección; 5) al doblarse en cuatro partes por los pliegues demarcados, debe pasar fácilmente por la ranura de la urna, y 6) debe estar identificada con un código de barras de manera correlativa y adherida a un talón con igual
identificación.

Para no videntes. Se dispondrá también la confección de plantillas idénticas en papel transparente y alfabeto Braille para las personas discapacitadas visuales.

Sorteo. El Juzgado Electoral determinará el orden de precedencia de los espacios, franjas o columnas de cada partido, alianza o confederación que cuente con listas de candidatos oficializadas mediante un sorteo público. Cantidad. El Juzgado Electoral mandará a imprimir las boletas únicas en una cantidad igual al número de electores correspondientes al padrón electoral, más un 10 por ciento adicional para reposición.

Elecciones 2011 Consulta el padron electoral Nacionalal AR

SI SOS DESCENCIENTE DE ITALIANOS O TENE INTERESA CONOCER MAS SOBRE NOSOTROS VISITA LA SECCION PRINCIPAL DE NUESTRO SITIO WWW.COMITESCORDOBA.ORG.AR DONDE PODRAS INFORMATE SOBRE CIUDADANIA - BECAS - CULTURA -EVENTOS CULTURALES - PROYECTOS DE FORMACION Y VIDA SOCIAL DE LA COMUNIDAD ITALIANA EN EL EXTERIOR.

Elecciones Argentina 2011- Consulta Padrones Nacionales Online . Averigue Dónde Votar - Alternativas para consultar padrón electoral nacional

Argentina Elecciones 2011: la Cámara Nacional Electoral informa cómo consultar padrones provisorios

EN EL SIGUIENTE LINK=> PADRON ELECTORAL 2011


La consulta podrá realizarse a partir de este viernes a través de Internet o en forma telefónica. Es indispensable para quienes votan por primera vez y para aquellos electores que hicieron un cambio de domicilio desde la última elección. Los detalles

La Justicia Nacional Electoral, continuando con la implementación de las medidas necesarias para optimizar el proceso electoral y a los efectos de lograr mayor inmediatez en la actualización de los padrones con miras a las próximas elecciones nacionales -primarias, abiertas, simultáneas y obligatorias, y comicios generales- pone a disposición de la ciudadanía los datos registrales constitutivos de los padrones a fin de posibilitar que los electores puedan verificarlos y, en su caso, solicitar las correcciones a que hubiera lugar.
Por tal motivo la Cámara Nacional Electoral dispuso la publicación de los padrones de distrito en las Secretarías Electorales de todo el país, en el sitio Web www.padron.gob.ar, y en el del Centro de Información Judicial www.cij.gov.ar, y mediante la consulta telefónica gratuita al 0800-999-PADRON(7237) a partir del viernes 11 de marzo y hasta el jueves 31 inclusive, y recomienda a la ciudadanía que verifique su correcta inclusión en el padrón electoral y que, en caso de ser necesario, formule el reclamo correspondiente.
Esta consulta resulta indispensable para quienes votan por primera vez, como así también para aquellos electores que hayan efectuado un cambio de domicilio desde la última elección.

Consulta Padron Electoral 2011

Consulta on line del padrón electoral oficial de la Cámara Nacional Electoral Argentina, dependiente del Poder Judicial de la Nación.

La consulta disponible y habilitada por la Cámara Nacional Electoral, permite consultar ingresando el DNI, LC, CE, sexo y distrito o provincia los datos obrantes en el padrón electoral que se utilizará para las próximas elecciones. Si Ud no figura o ante cualquier duda deberá dirigirese a la Secretaría Electoral correspondiente a su domicilio registrado en su documento personal.

Para consultar este sitio es importante que observe la barra de navegación de su explorador web y habilite la opción de ventanas emergentes o ventanas pop-up, de lo contrario se cerrará la ventana y no podrá realizar la consulta.

BECA DE ESTUDIO "Fondazione Monte dei Paschi di Siena"

Si informa che l'Università per Stranieri di Siena istituisce borse di studio con il contributo della "Fondazione Monte dei Paschi di Siena" per la frequenza ai corsi di lingua e cultura italiana.
Le domande dovranno pervenire entro il 30 aprile p.v. In allegato l'informativa ed il modulo di domanda.
A disposizione per eventuali chiarimenti, cordialmente

--------------------------------------------------------------------
Università per Stranieri di Siena
Segreteria del Centro Linguistico
Serchi Simona
Piazza Carlo Rosselli 27/28 - 53100 Siena
tel. +39 0577 240303 - fax +39 0577 42112
e-mail serchis@unistrasi.it

PREMIO INTERNAZIONALE PER LA SCENEGGIATURA MATTADOR

Dedicato a MATTEO CAENAZZO

top.jpg

l Premio MATTADOR, rivolto agli sceneggiatori e a tutti coloro che aspirano a scrivere una sceneggiatura, intende promuovere e sostenere i giovani sotto i 30 anni, ed è dedicato al giovane ed eclettico talento triestinoMatteo Caenazzo, scomparso prematuramente il 28 giugno 2009, che con grande attenzione e profondo entusiasmo stava indirizzando il suo futuro verso la scrittura per il cinema.

Il Premio, nato con l’intento di fare emergere e valorizzare giovani talenti che decidono di intraprendere un percorso professionale ed artistico nell’ambito della scrittura cinematografica, è un invito a scrivere sceneggiature che riescano a raccontare storie coinvolgenti ed emozionanti, secondo l’idea di Matteo che aveva scelto con consapevolezza di esprimersi, sia nella scrittura che in ogni altra forma d’arte da lui sperimentata, con autentica passione e con un approccio da spirito libero.

Premio Internacional de Guión
Premio al Mejor Guión + Mejor Tema + Premio al Mejor Guión para Cortometraje
Dedicado a jóvenes entre 16 y 30 años
Envío de trabajos hasta el 15 de abril 2011
Para más información: info@premiomattador.it
Trieste- Italia

BUENOS AIRES CONVEGNO PROGETTO AGRIQUALITY

progetto agriquality.JPG


CONFERENZA NAZIONALE DELLA COMMISSIONE GIOVANI-USA

giovani usa.JPG

La conferenza nazionale di Commissione Giovani-USA (CG-USA) i il 4-6 marzo, 2011. Lo scopo principale della conferenza fu di unire le voce dei giovani italiani ed italo-americani (18-35 anni) che vivono negli Stati Uniti e di dare uno spazio per le loro idee ed azioni, così continuando il lavoro di Commissione Giovani per contribuire alla nostra comunità. Cogliendo quest’occasione d’unità durante un anno così simbolico per l’Italia, CG-USA celebrerà durante la sua conferenza il 150o dell’Unità d’Italia. Un fine settimana pieno di riunioni per lavorare ed eventi per conoscerci; l’incontro di questi due giorni servirà anche a promuovere la lingua e la cultura italiana – uno dei tre obiettivi della CG-USA. Inoltre, la conferenza di CG-USA metterà in rilievo la comunità italiana a Miami,
una comunità vivace, dinamica, ed accogliente. Carolina Vester CG-USA, un' organizzazione nazionale auto-
finanziata e composta da italiani ed italo-americani dai 18 ai 35 anni che vivono negli Stati Uniti, si dedica ad unire e fortificare la comunità dei giovani, ad essere una risorsa per i giovani e la comunità italiana ed a promuovere la lingua e Da ringraziare inoltre il vice presidente Pastor che malgrado gli impegni ha dato la sua completa disponibilità all’interessante iniziativa e il lavoro del quale, sviluppato in modo encomiabile, è stato particolarmente apprezzato anche da genitori ed alunni. Alla simpatica iniziativa era presente anche Anna Piva, Executive Director dell’Odli, che, sempre, nel mese di ottobre, ha organizzato diverse iniziative a sostegno della didattica del programma d’italiano, tra le quali una lezione di scienze naturali per le scuole a cura di una ricercatrice italiana molto importante, la Dott.ssa Elena Pescante, che ha sostenuto una lezione
di geografia con approfondimenti e curiosità sul territorio italiano destando grande interesse sia tra gli studenti che tra gli insegnanti. Infine, e molto atteso, l’evento extra scolastico che ha avuto luogo a dicembre. Gli studenti delle Carver elementary e Carver Middle hanno partecipato il 3 di dicembre alle 7:30 P.M. all'inaugurazione dell'albero di Natale che ogni anno si svolge a Miracle Mile, Coral Gables . Dopo l’intervento del Sindaco di Coral Gables che ha inaugurato “the big Christmas Tree” gli studenti del programma d’Italiano si sono esibiti con un piccolo show in lingua italiana, un evento molto importante organizzato grazie all'impegno dei membri del PTA della Carver Elementary in particolare della Signora Virginia Ariemma. Un modo, questo, per garantire, non solo un piacevole divertimento per gli studenti ma anche una significativa presenza degli stessi e dei loro genitori in un contesto sociale, più generalizzato, della città. la cultura italiana. CG-USA è responsabile per coordinare la comunicazione tra i settori e le filiali della CG-USA

FESTEJO DEL GIORNO DELLA DONNA A SALTA ARGENTINA

festa dellla donna.jpg


EUROPOSGRADOS ARGENTINA 2011


Cursos de Italiano en la Dante Alighieri de Córdoba


Dante.JPG

La Asociación Dante Alighieri de Córdoba es una institución que difunde la cultura italiana desde hace casi 70 años. La sede se encuentra en el corazón de la ciudady posee ocho aulas distribuidas en tres pisos, una amplia biblioteca, un salón equipado para diversas muestras artísticas y un salón auditorio donde se desarrollan las actividades culturales.
En la actualidad la Dante representa una de las instituciones más importantes en cuando a la promoción, difusión y puesta en valor de la lengua y la cultura italianas. Existen 423 sedes de la “Società Dante Alighieri”, presentes en más de 60 países, las cuales nuclean a más de 200.00 socios y estudiantes.

SITIO WEB http://WWW.DANTEALIGHIERICBA.ORG.AR


DESCUENTOS ESPECIALES A JUBILADOS, ESTUDIANTES Y QUIENES ACREDITEN CIUDADANIA ITALIANA O ESTE EN TRAMITE.


Lista Precios
Lista precio cursos.jpg

En Noticias

Circoscrizione Consolare Cordoba

Links