Noticias

Queridos Italianos y Descendientes a traves de esta seccion comunicamos continuamente todas las noticias de la Comunidad Italiana en Argentina y el Exterior.

Dr.Rodolfo Borghese
Presidente Com.It.Es di Cordoba

SOCIEDAD ITALIANA CATAMARCA 119º ANIVERSARIO

Catamarca.jpg

Evento con motivo del Giorno della Reppubblica Italiana, il giorno dell’Immigrante Italiano e l’Anniversario 119° della nostra Societá e l’Inaugurazione della nostra sede ripristinata

PROGRAMMA

Venerdí 29/05
19.30 ore: Sede in via Rivadavia N. 857:
Inaugurazione con Ripristino del Primo Piano
- Presentazione della Banda della Scuola di Musica Municipale
- Taglio di Nastri
- Scoprire le Piastre
- Parole Allusive
- Proiezione di Video Istituzionale
- Presentazione Canatante Lirico
- Brindisi

Sabato 30/05
21.30 ore: Salotto di Eventi in Corso Mariano Moreno N. 570
Cena Show 119º Anniversario
- Con l’animazione e l’umore di Carlos Tapia.
Dsc02390.jpg

Dsc02392.jpg


Dsc02395.jpg

Dsc02399.jpg


Dsc02407.jpg

Dsc02410.jpg


Dsc02420.jpg

Dsc02427.jpg


Dsc02503.jpg

Dsc02512.jpg


Dsc02515.jpg

Dsc02520.jpg


Dsc02524.jpg

Dsc02530.jpg


XXI Congreso Latinoamericano de Estrategia Cordoba

estrategiaweb.jpg
Sergio Devalis (Univ.Nac.Cordoba) , Eduardo Dalmasso (Presidente Congreso) , Dr.Rodolfo Borghese (Pte Comites di Cordoba) , Dr.Mario Borghese, Gerardo Valzacchi , Isabela Restifa

Reconocidos panelistas inauguraron ayer el XXI Congreso Latinoamericano de Estrategia que tuvo lugar los días 21 y 22 de Mayo en el Sheraton Hotel. El lema que los convoca es “Inteligencia Estratégica para un mundo impredecible”, y su objetivo es generar pensamiento, dar ideas, y propuestas estratégicas para mejorar la conducción en el mundo empresarial y público.

En entrevista exclusiva, Jorge Lawson, Presidente de Lawson Comunicación y Estrategia destacó que, en este marco de crisis, los desafíos de una empresa deben apuntar a tener un plan, pero que éste no consista en “reducir presupuestos”.

Asimismo, sobre las pequeñas y mediana empresas (Pymes) reconoció que éstas “Deben analizar su estructura de costos, y su posibilidad en el mercado”.
No obstante, tener presente la competencia, y sobre esto, Lawson resaltó como clave “reinventar el producto y ampliar el mercado”.

En estos tres días, más de 120 miembros de distintos países de Latinoamérica van a estar presentes. Entre las personalidades que ya asistieron se destacan, Eduardo Dalmasso, Presidente del XXII Congreso; Guillermo Baena López, Presidente de la Sociedad Latinoamericana de Estrategia (SLADE)y Gustavo Santos, Secretario de Turismo de la Provincia.

Asimismo, a cargo de exposiciones magistrales se presentaron Eduardo Kastica, unos de los principales referentes en innovación y creatividad en el mercado Latinoamericano. Y Roberto Serra, Director de Roberto Serra y Asociados, consultora especializada en Estrategia y Marketing.


Con más de 650 asistentes -de los cuales 120 eran extranjeros- se realizo una nueva edición del Congreso Slade, un espacio para que empresas, instituciones públicas y privadas, estudiantes e investigadores dimensionen la importancia de aplicar la estrategia en su día a día.
3551762641_e7e8929e72.jpg


“Las empresas tienen que entender que la estrategia, la creatividad, la innovación no pueden desplegarse sólo en contextos de crisis. Es clave comprender que se deben mantener a lo largo del tiempo”, señaló Eduardo Kastika, uno de los principales referentes latinoamericanos en materia de creatividad e innovación y que ayer habló sobre creatividad aplicada a los negocios.

Además de la importante respuesta de los asistentes, el Slade cuenta con importantes respaldos empresariales y con sponsoreo de firmas como Arcor, Copa Airlines, Santander Río, Cablevisión, Manfrey, entre otras y de instituciones como la Universidad Católica, la Universidad Blas Pascal y el Gobierno de Córdoba.

“Este es el momento de crear las estrategias latinoamericanas, por los latinoamericanos. Hay que aprender de los errores del pasado y desaprender de los errores del presente para no volver a cometerlos en el futuro. Algo bueno va a pasar en Córdoba”, prometió Guillermo Baena, presidente internacional de Slade en la apertura del Congreso.

DSC02287.JPG



DSC02292.JPG



DSC02333.JPG


RISULTATI REFERENDUM DEL 21 GIUGNO 2009

referendum2009.jpg

L’Argentina si conferma la comunità che partecipa di più: 35,17%Nell’America Meridionale la più alta percentuale di partecipazione al referendum: 30.55% contro il 23,35 % dell’Oceania, il 14,90% dell’Europa e il 16,26 dell’America Settentrionale e Centrale. Il quorum nonostante, non é stato raggiunto.

L’America Meridionale in generale e l’Argentina in particolare, hanno confermato la loro voglia di partecipazione, segnando le più alte percentuali di risposta al referendum abrogativo sulle leggi elettorali che si è svolto in Italia l’ultimo fine di settimana. Come è noto, tale referendum è rimasto invalido perché non ha raggiunto il necessario quorum del 50 per cento più uno degli elettori. Ad esso, infatti, ha partecipato in media il 23 per cento degli aventi diritto al voto, sia in Italia che all’estero.

La media di votanti che all’estero ha risposto al voto è stata del 20,25%, con una partecipazione piuttosto bassa in Europa, che non ha raggiunto neanche il 15 per cento (14,90), seguita dall’Ameri-ca Meridionale e Centrale con il 16,26 %, dall’Oceania con il 23,35%, e in testa dall’America Meridionale dove ha votato il 30,55% degli 899.358 cittadini in condizioni di esprimere il voto. I votanti nel nostro continente sono stati 276.142.

Come in precedenti elezioni, l’Argentina, che è la comunità italiana più numerosa al mondo, ha dimostrato di essere anche la più attiva al momento di esprimere una opinione. Qui infatti, ha votato in media oltre il 35% dei 466.274 cittadini che erano registrati negli elenchi elettorali inviati dal ministero degli Interni.

Hanno votato infatti attorno alle 165mila persone, alcune di più o di meno secondo i quesiti, che in questo referendum erano tre.

Nella classifica della partecipazione, anche questa volta la comunità italiana in Uruguay ha confermato di essere molto attiva, raggiungendo una percentuale del 34,92%.

Come in precedenti elezioni, si constata una forte diferenza tra i numeri di cittadini registrati all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) tenuto dal Viminale e quelli che sono iscritti nelle anagrafi consolari, che per quanto riguarda l’Argentina, hanno abbondamente superato le seicentomila unità.

Dai dati del ministero degli Interni, che pubblichiamo qui a fianco, non sappiamo nemmeno quanti connazionali hanno ricevuto effettivamente i plichi elettorali. Si sa però che anche questa volta ci sono stati tanti connazionali che avrebbero voluto votare e che non hanno ricevuto il plico.

Altri sono stati visitati dai postini della Andreani, che hanno lasciato gli avvisi di visita. Sia gli uni che gli altri, si sono recati nei consolati.


















come si vota ref 2009.pdf

Indicaciones Referendum 2009



A LOS ITALIANOS DE SUDAMERICA REFERENDUM MODIFICATORIO DE LA LEY ELECTORAL 2009


Pueden votar:

Los ciudadanos italianos residentes en SUDAMERICA, inscriptos antes del 31 de diciembre de 2008, en el Consulado.

El voto se realiza exclusivamente por correspondencia hasta el próximo 18 de junio, a las 16hrs. Los electores recibirán en sus domicilios el material electoral con las instrucciones y modalidades del voto.

Quienes no lo reciban antes del 7 de junio, deberán dirigirse personalmente al Consulado o enviar correo a: elettorale.cordoba@esteri.it.

El Referéndum

El Referéndum es un instrumento que la Constitución italiana da a los ciudadanos para modificar las leyes aprobadas por el Parlamento. En Italia es posible promover solamente referéndums de carácter derogativo, es decir, para dejar sin efecto leyes o partes de las mismas.

Para llevar adelante el referéndum es necesario reunir 500.000 firmas de electores que lo avalen. En esta ocasión se pretende modificar la Ley electoral, cancelando algunos aspectos de la misma.

La Ley electoral determina cómo se distribuyen las bancas a los distintos partidos de acuerdo a la cantidad de votos obtenidos.

Qué se vota en este referéndum?

PRIMERA CONSULTA
I: Premio de mayoría a la lista más votada – Cámara de Diputados

«Elezione della Camera dei Deputati – Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste»

-Votando por el SI:
Se pretende que el premio de bancas correspondiente a quien obtuvo la mayoría, sea asignado a la LISTA MÁS VOTADA para la CAMARA DE DIPUTADOS y no a la COALICION más votada.
Además, se propone establecer que cada partido, para tener representación en la Cámara, deba obtener por lo menos el 4% del total de los votos.

-Votando por el NO:
Se pretende mantener la Ley electoral vigente sin variaciones: es decir, el premio de mayoría se otorga a la COALICION vencedora, y no a la lista. A su vez, el límite mínimo indispensable para obtener representatividad es más bajo: 4% si la lista se presenta sola y 2%, o menos aún, si pertenece a una coalición.


SEGUNDA CONSULTA
II: Premio de mayoría a la lista más votada - Senado

«Elezione del Senato della Repubblica – Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste»
-Votando por el SI:
Se propone que el premio de bancas, que para el Senado se otorga sobre base regional y no nacional, sea asignado a la LISTA MÁS VOTADA para el SENADO y no a la COALICION.
Además, se pretende establecer que cada lista, para tener representación en el Senado deba obtener por los menos el 8% del total del los votos.

-Votando por el NO:
Se pretende mantener la Ley electoral sin variaciones. Las bancas para el Senado son otorgadas, siempre de acuerdo al resultado electoral regional, a la COALICION vencedora, pero sin considerar el límite mínimo del 8%.


TERCERA CONSULTA
III: Derogación de las candidaturas múltiples

«Elezione della Camera dei Deputati - Abrogazione della possibilità per uno stesso candidato di presentare la propria candidatura in più di una circoscrizione».

-Votando por el SI:
Se elimina la posibilidad de que un candidato pueda presentarse en más de una circunscripción electoral.

-Votando por el NO:
Se mantiene la Ley electoral sin variaciones. Cada candidato tiene la posibilidad de presentarse en más de una circunscripción electoral (inclusive en todas). Una vez votado, deberá elegir la banca en la que asumirá el cargo. Si gana en más de una circunscripción, la banca es asignada al primero que sigue en su lista.


Más información en:
http://www.esteri.it


EN ITALIANO

REFERENDUM ABROGATIVI DI ALCUNI ARTICOLI E COMMI DEL D.P.R. 30 MARZO 1957, N. 361 E DEL DECRETO LEGISLATIVO 20 DICEMBRE 1993, N. 533


I Quesito: Premio di maggioranza alla lista più votata - Camera
II Quesito: Premio di maggioranza alla lista più votata - Senato
III Quesito: Abrogazione candidature multiple



Il Referendum del 21 giugno sulla legge elettorale: I tre quesiti referendari

Il Consiglio dei ministri del 30 aprile scorso ha individuato nel 21 giugno prossimo la data da proporre al Capo dello Stato per la nuova indizione delle tre consultazioni referendarie, a seguito dell’entrata in vigore della legge n. 40 (approvata martedì 28 aprile dal Senato della Repubblica) in base alla quale è previsto, ai sensi dell’articolo 75 della Costituzione, che i referendum abrogativi da tenersi nel 2009 abbiano luogo in una domenica compresa fra il 15 ed il 30 giugno.

I referendum, indetti con decreto del Presidente della Repubblica del 5 febbraio 2008 per il 18 maggio 2008, sono stati rinviati di un anno a causa dello scioglimento delle Camere, decretato dal Capo dello Stato il 6 febbraio 2008.

Presentati nel 2006 da un Comitato promotore presieduto dal professor Giovanni Guzzetta, professore di diritto pubblico all’Università di Roma-Tor Vergata, e composto da diversi altri aderenti, fra cui numerosi esponenti politici di vari partiti sia di maggioranza che di opposizione, i quesiti referendari, dichiarati ammissibili dalla Corte Costituzionale il 16 gennaio 2008, ai quali dovranno rispondere i cittadini, sono tre, proposti rispettivamente su moduli verdi, bianchi e rossi.

I quesiti referendari

Il quesito numero 1 (scheda verde), relativo al premio di maggioranza nazionale per la Camera dei deputati, è stato intitolato dall’Ufficio centrale per il referendum: «Elezione della Camera dei Deputati – Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste». Esso intende abolire le ‘coalizioni’: vince il premio di maggioranza - che garantisce 340 seggi - il partito (ovvero la ‘lista’) che ottiene più voti; partecipano alla ripartizione dei seggi le ‘liste’ che ottengono almeno il 4% dei voti su base nazionale.

Il quesito numero 2 (scheda bianca), relativo al premio di maggioranza regionale per il Senato, è stato intitolato dall’Ufficio centrale per il referendum: «Elezione del Senato della Repubblica – Abrogazione della possibilità di collegamento tra liste e di attribuzione del premio di maggioranza ad una coalizione di liste». Anche tale quesito intende abolire le coalizioni: vince il premio regionale - che garantisce il 55% dei seggi della Regione - il partito (ovvero la ‘lista’) che ottiene più voti; partecipano alla ripartizione dei seggi le liste che ottengono almeno l'8% dei voti su base regionale.

I quesiti numeri 1 e 2 sono stati ritenuti ammissibili dalla Corte costituzionale con le sentenze n. 15 e 16 del 2008.

Il quesito numero 3 (scheda rossa), relativo alla disciplina della candidature, è stato intitolato dall’Ufficio centrale per il referendum: «Elezione della Camera dei Deputati - Abrogazione della possibilità per uno stesso candidato di presentare la propria candidatura in più di una circoscrizione».

Tale quesito intende abolire le cosiddette ‘candidature multiple’, ossia la possibilità di candidarsi in più circoscrizioni in liste aventi il medesimo contrassegno, con successiva eventuale opzione nel caso di elezione in più di una circoscrizione. Il quesito n. 3 è stato ritenuto ammissibile dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 17 del 2008. (Inform)



I cittadini italiani residenti all’estero e alcune categorie di connazionali temporaneamente all’estero possono votare per i Referendum abrogativi del 21 e 22 giugno prossimi.

Il voto per i Referendum dei cittadini residenti ed iscritti all’AIRE si esprime esclusivamente per corrispondenza in quegli Stati (come l’Argentina) con i quali il Governo italiano ha concluso apposite intese e il cui elenco è pubblicato sul sito http://www.esteri.it. Negli Stati dove tali intese non sono state concluse gli elettori residenti e iscritti all’AIRE non potranno esercitare il voto per corrispondenza e pertanto, per votare, dovranno recarsi in Italia avendo diritto al rimborso del 75% del biglietto di viaggio presentando la relativa documentazione al Consolato di competenza.

Anche i cittadini italiani temporaneamente all’estero, come militari o appartenenti a forze di polizia in missione internazionale, come dipendenti di amministrazioni pubbliche per motivi di servizio ovvero come professori universitari ed i loro familiari conviventi, potranno esprimere il voto per corrispondenza. La possibilità di recarsi a votare in Italia usufruendo del rimborso non riguarda questa tipologia di elettori in quanto tali categorie potranno votare anche negli Stati con i quali il Governo italiano non ha concluso apposite intese. Gli elettori temporaneamente all’estero appartenenti alle categorie sopraindicate e i loro familiari conviventi, per poter esprimere il voto, dovranno sottoscrivere una dichiarazione ai fini elettorali entro il 17 maggio 2009.

Gli elettori residenti e temporanei nella circoscrizione consolare di Cordoba riceveranno a domicilio, da parte del Consolato Generale, il plico elettorale contenente le schede e le istruzioni sulle modalità di voto.

Chi non ricevesse il plico entro il 7 giugno, potrà recarsi di persona al Consolato Generale per verificare la sua posizione elettorale.

Chi si trovi temporaneamente nella circoscrizione consolare di Cordoba e non appartenga alle tre categorie sopraindicate, puo’ votare per i referendum solamente recandosi in Italia per esprimere il voto presso le sezioni istituite nel proprio Comune.

Concluse le operazioni, le schede votate pervenute al Consolato Generale entro le ore 16,00 del 18 giugno 2009 saranno trasmesse in Italia, dove avrà luogo lo scrutinio a cura dell’Ufficio Centrale per la Circoscrizione Estero istituito presso la Corte di Appello di Roma.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio elettorale del Consolato Generale d’Italia a Cordoba, Avda. Velez Sarsfield 360 - Cordoba, Tel. (0351) 5261027, Fax (0351) 5261010, indirizzo e-mail: elettorale.cordoba@esteri.it

Sito web del Consolato Generale: http://www.conscordoba.esteri.it

Sito web del Ministero degli Affari Esteri: http://www.esteri.it

OPCION PARA EJERCER EL DERECHO AL VOTO EN ITALIA

Italianos residentes en Córdoba - Tucumán - Santiago del Estero - Catamarca - Salta - Jujuy - La Rioja.
El Consulado General de Italia - Cordoba, informa que hasta el 10 de mayo se pueden presentar, en la sede de Av. Velez Sarsfield 360 de esta Ciudad, los interesados en ejercer la opción de voto en Italia para el próximo Referéndum 2009.

Los mismos deberán presentar documentación que acredite datos personales y la comuna de origen italiana que figura en los padrones. Quienes no se hayan comunicado personalmente al Consulado antes de esa fecha, no podrán votar en Italia.

Para mayor información comunicarse al 0351-5261027. El horario de atención es de lunes a viernes de 9 a 12 hrs, excepto los días martes que el Consulado permanece cerrado al público.

Comunicato 12 Maggio 2009

Gli elettori italiani residenti all’estero e alcune categorie di connazionali temporaneamente all’estero, come meglio specificato oltre, possono votare per i referendum abrogativi del 21 giugno prossimo per corrispondenza. Il voto per i referendum dei cittadini residenti ed iscritti all’AIRE si esprime esclusivamente per corrispondenza negli Stati con i quali il Governo italiano ha concluso apposite intese (vedi elenco allegato). Negli Stati dove tali intese non sono state concluse gli elettori residenti ed iscritti all’AIRE non potranno esercitare il voto per corrispondenza e pertanto, per votare, dovranno recarsi in Italia. In tal caso, presentando apposita istanza all’ufficio consolare della circoscrizione di residenza corredata del certificato elettorale e del biglietto di viaggio, avranno diritto al rimborso del 75% del costo del biglietto.
N.B. Tale possibilità non riguarda gli elettori temporanei, le cui categorie sono indicate di seguito, in quanto tali categorie potranno votare anche negli Stati con i quali il Governo italiano non ha concluso apposite intese.
Sei un cittadino italiano residente all’estero?
Se sei un elettore residente all’estero (iscritto all’AIRE) riceverai a domicilio, da parte del Consolato di riferimento, il plico elettorale contenente le schede e le istruzioni sulle modalità di voto. Segui attentamente le istruzioni e ricorda di osservare le date indicate per spedire all’Ufficio consolare la busta preaffrancata contenente la busta anonima con le schede votate.
Se non ricevi il plico elettorale entro il 7 giugno, potrai recarti di persona all’Ufficio consolare di riferimento per verificare la tua posizione elettorale: se il tuo nominativo già figura nell’elenco degli elettori in possesso dell’Ufficio consolare potrai ottenere un duplicato del plico elettorale, mentre in caso contrario potrai chiedere al Consolato di attivare le procedure per essere aggiunto all’elenco degli elettori.
Sei un cittadino italiano temporaneamente all’estero…
• …come militare o appartenente a forze di polizia in missione internazionale? [1]
• …come dipendente di amministrazioni pubbliche per motivi di servizio? [2]
• …come professore universitario o suo familiare convivente? [3]
Anche in questo caso, potrai esprimere il tuo voto per corrispondenza.
La procedura da seguire dipende dalla categoria di cui fai parte:
se sei un militare o un dipendente pubblico, dovrai trasmettere una dichiarazione al comando o amministrazione di appartenenza, entro il 17 maggio. I familiari conviventi dei dipendenti pubblici dovranno presentare anche la dichiarazione sostitutiva relativa dell’atto di notorietà in ordine allo stato di familiare convivente.
se sei un professore universitario, dovrai far pervenire, entro il 17 maggio, la dichiarazione direttamente all’Ambasciata/Consolato di riferimento, unitamente alla dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che attesti il servizio presso istituti universitari e di ricerca per una durata complessiva di sei mesi e la presenza all’estero da almeno tre mesi alla data del 30 aprile 2009. I familiari conviventi dovranno presentare anche la dichiarazione sostitutiva relativa allo stato di familiare convivente.
Se ti trovi temporaneamente all’estero e non appartieni alle tre categorie sopraindicate, puoi votare per i referendum solamente recandoti in Italia per esprimere il voto presso le sezioni istituite nel tuo Comune di iscrizione alle liste elettorali.
Concluse le operazioni, le schede votate dagli italiani residenti all’estero saranno convogliate in Italia, dove avrà luogo lo scrutinio a cura dell’Ufficio Centrale per la Circoscrizione Estero istituito presso la Corte di Appello di Roma. Parimenti, saranno trasportate a Roma le schede votate dai cittadini temporaneamente all'estero per motivi di servizio, le quali saranno scrutinate congiuntamente a quelle dei residenti all’estero.
Per ulteriori informazioni, puoi scrivere all’indirizzo di posta elettronica votoestero09.referendum@esteri.it
[1] Appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia temporaneamente all’estero in quanto impegnati nello svolgimento di missioni internazionali.
[2] Dipendenti di Amministrazioni dello Stato, di regioni o di province autonome, temporaneamente all’estero per motivi di servizio, qualora la durata prevista della loro permanenza all'estero, secondo quanto attestato dall'Amministrazione di appartenenza, sia superiore a tre mesi, nonché, qualora non iscritti alle anagrafi dei cittadini italiani residenti all'estero, i loro familiari conviventi.
[3] Professori universitari, ordinari ed associati, ricercatori e professori aggregati, di cui all'articolo 1, comma 10, della legge 4 novembre 2005 n. 230, che si trovano in servizio presso istituti universitari e di ricerca all’estero per una durata complessiva all'estero di almeno sei mesi e che, alla data del decreto del Presidente della Repubblica di convocazione dei comizi, si trovano all'estero da almeno tre mesi, nonché, qualora non iscritti nelle anagrafi dei cittadini italiani all'estero, i loro familiari conviventi.

TURNOS DE CIUDADANIA ITALIANA

COMUNICACION DEL CONSULADO GENERAL DE ITALIA EN CORDOBA

APPUNTAMENTI DI CITTADINANZA - TURNOS DE CIUDADANIA

04/05/2009

Sito web del Consolato Generale d'Itaila in Cordoba: http://www.conscordoba.esteri.it

Si comunica che, a partire dal 6 maggio 2009, entrerà in funzione un nuovo sistema di prenotazione dell’appuntamento per la consegna della documentazione finalizzata al riconoscimento della cittadinanza italiana “iure sanguinis” attraverso una linea telefonica dedicata ed un orario giornaliero di ricezione delle telefonate. Una volta registrata la richiesta, successivamente il Consolato Generale provvederà a contattare il richiedente comunicandogli la data dell’appuntamento.
Numero telefonico esclusivo da contattare: (0351) 4242511.

Giorni e orari di ricezione delle prenotazioni telefoniche: Lunedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì dalle ore 12.00 alle ore 13.00.

Importante: al momento della prenotazione è necessario disporre di una serie di dati da comunicare all’operatore tra cui: nome e cognome del richiedente, numero del documento d’identità, indirizzo, recapiti telefonici, dati anagrafici dell’avo italiano. Occorrerà inoltre indicare il numero del certificato dell’Ufficio elettorale argentino (“Cámara Nacional Electoral”) da cui risulti la naturalizzazione o meno dell’avo italiano (*).

Nel caso in cui si tratti di figli di cittadini iscritti in Anagrafe, sarà necessario specificare l’Anagrafe consolare di appartenenza.

Per informazioni più dettagliate consultare la voce cittadinanza del sito web.

Note:
Possono prenotare l’appuntamento: le persone residenti nella Circoscrizione consolare di Cordoba che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, che abbiano diritto a chiedere il riconoscimento della cittadinanza italiana ai sensi della normativa vigente e che siano in possesso della documentazione necessaria.

Ogni interessato maggiorenne deve presentare una singola richiesta.

I figli minorenni, al momento della richiesta dell'appuntamento, non devono essere registrati. I loro dati ed i relativi atti di nascita saranno presentati all'Ufficio cittadinanza il giorno dell'appuntamento.

L’appuntamento sarà assegnato anche a coloro che, successivamente, decideranno di presentare la documentazione presso gli Uffici consolari onorari autorizzati (Vice Consolati onorari di Catamarca, Jujuy, La Rioja, Salta, Tucuman; Agenzie Consolari onorarie di Las Varillas, Rio Cuarto, San Francisco).

Non devono prenotare l’appuntamento: coloro che intendano presentare domanda di cittadinanza per matrimonio; i figli minorenni di padre italiano o madre italiana (per la legge italiana la maggiore età si raggiunge a diciotto anni).

(*) Nel caso in cui al momento della prenotazione fossero stati forniti dati mendaci, (compreso il numero del certificato della “Cámara Nacional Electoral” dell’avo italiano), l’appuntamento sarà annullato.

EUROPOSGRADOS 2009

europosgrados2009.jpg

Este año el stand de Italia contará con la participación especial de la profesora ANTONELLA CAMMISA dirigente del área de Relaciones Institucionales de la Universidad de Roma “La Sapienza”.

Esta expo europea, la más importante de Argentina, es la única organizada oficialmente por la Delegación de la Comisión Europea y las Embajadas y Agencias educativas estatales de los países de la Unión Europea. En su tercera edición en Buenos Aires, EuroPosgrados se ha convertido en una referencia para todos los estudiantes y jóvenes profesionales que desean estudiar y formarse en un país de la Unión Europea. La finalidad de EuroPosgrados es crear un espacio de intercambio entre instituciones de educación superior de ambos lados del Atlántico, con el objetivo de fomentar la movilidad y formación de estudiantes, docentes y científicos en ambas direcciones.

Informaciones
Fecha: viernes, 15 de mayo de 2009 - sábado, 16 de mayo de 2009
Horario: Viernes 16 a 21 hs. / Sábado 14 a 21 hs.
Lugar: Centro de Exposiciones de Bs. As. (Av. Figueroa Alcorta y Pueyrredón)
Organizado por: Europosgrados Argentina
Informazioni: http://www.europosgrados.com.ar

DELEGAZIONE LIGURE RICEVUTA DAL DOTT RODOLFO BORGHESE

ligure1.JPG

CORDOBA – La delegazione ligure ricevuta a Cordoba dal Dott. Rodolfo Borghese Presidente del Com.It.Es. Nella foto Dora Bastianon, presidente dell’Associazione ligure-americana di Cordoba, seduta accanto a Elvio Lentino Lanza; dietro, Teodosia Nole, Dora Massajoli del direttivo e altri due membri del Com.It.Es.

ligure2.JPG

Rodolfo Borghese e il nostro rappresentante accanto al busto di Giuseppe Mazzini donato dal Com.It.Es. locale all’Università di Cordoba nel 2005, in occasione del bicentenario della nascita dell’eroe genovese.

Preguntas y respuestas sobre la gripe A

Imagen
El Comité de Emergencias, establecido en cumplimiento del Reglamento Sanitario Internacional (2005), ha celebrado su segunda reunión el 27 de abril de 2009. El Comité ha examinado los datos disponibles sobre los brotes confirmados de gripe porcina por A/H1N1 en los Estados Unidos de América, México y Canadá.
El Comité ha considerado asimismo los informes sobre la posible propagación a otros países.
Con el asesoramiento del Comité, la Directora General de la OMS ha decidido elevar el nivel de alerta de pandemia de gripe de la actual fase 3 a la fase 4.

Declaración de la Directora General

Fase actual de alerta de pandemia según la OMS

Más información sobre la gripe porcina

¿Qué es la gripe porcina?

¿Qué es una pandemia?

Es una enfermedad epidémica que se extiende sostenidamente en al menos tres países de dos regiones de la OMS o que ataca a casi todos los individuos de una localidad o área, según la Real Academia Española.

¿Cuál es la diferencia con una epidemia?

La diferencia radica en que la epidemia es una enfermedad que se propaga sostenidamente durante algún tiempo en un país, acometiendo simultáneamente a gran número de personas.

¿Qué significa entonces la declaración de pandemia?

Según los especialistas, que la gripe A haya entrado en una fase pandémica de alerta máxima significa que ha circulado en forma sostenida por más de dos continentes.

¿Por qué no se declaró antes?

Porque si bien la enfermedad estaba presente en varios continentes, sólo el 11 de junio adquirió características epidémicas en tres países de dos continentes distintos: México y Estados Unidos, en América, y Australia, en Oceanía.

¿Qué tan grave será?

Según las palabras de Margaret Chan, existen "buenas razones para considerar que, a escala mundial, la gravedad de esta pandemia, al menos en sus primeros días, será moderada".

¿Afectará de la misma forma a todos los países?

Según la directora de la OMS, la experiencia indica "que la gravedad puede variar en función de muchos factores y de un país a otro. En algunos de los países, alrededor del 2% de los casos han sido graves, a menudo progresando rápidamente hacia una forma potencialmente mortal de neumonía.

¿Cuál es la población de riesgo?

Las complicaciones severas aparecen en pacientes cardíacos, personas con EPOC, asmáticos, fumadores, diabéticos e hipertensos. La mayoría de las infecciones graves y mortales se han dado en adultos de entre 30 y 50 años. Esa pauta difiere de lo que ocurre con las epidemias de gripe estacional, cuando la mortalidad afecta mayoritariamente a las personas de edad avanzada.

¿Cuánta será la población afectada en el país por la gripe A?

Según el infectólogo Daniel Stamboulian, es impredecible. "Es probable que, como sucede con la gripe estacional, sea de entre el 5 y el 10% de la población. El drama sucede cuando se enferma entre el 20 y 40%. En ese esquema aumentan cinco veces las hospitalizaciones y la mortalidad se triplica. Hoy, las muertes anuales por gripe estacional en el país son entre 1000 y 3000 casos", dijo.

¿Se debería usar barbijo?

Según Stamboulian, es un tema controvertido y de poco valor científico, salvo en el caso de estar en contacto o a menos de un metro de un infectado.

1° Raduno Mondiale dei Rapallini

Con la presente ci permettiamo di inviarLe la copia di una lettera, spedita dalla nostra Associazione ai "Rapallini" ossia le persone originarie di Rapallo (Ge), con la preghiera, se possibile, di diffonderne il contenuto nel modo che Ella riterrà più opportuno. Certi della di Lei cortese attenzione, La ringraziamo
profondamente e, Le porgiamo deferenti saluti.

Per "l' Associazione Liguri Antighi I Rapallin"

lettera agli italiani.doc

Carta en Italiano



Rapallo_todos.doc

Carta en Español


25 APRILE CELEBRAZIONE GIORNO DELLA LIBERAZIONE A CORDOBA

Cordoba

25042009.JPG

"Oggi più che mai dobbiamo ricordare il 25 aprile, il valore storico e culturale che porta con sé e, su queste basi, costruire un futuro migliore. La vera democrazia si trova nella sinergia fra le forze politiche e sociali della nazione ed i valori della sua Costituzione"


250420091.JPG

250420092.JPG

250420094.jpg
En la Foto: Comision Jovenes del Comites , Vice Consul Brunello Tombare, Vice Decano de Medicina Dr.Julio Cosiansi ; Cav. Franco Campitelli , Cav. Marco Gonella; Dr.Armanda Porta Segretaria Comites di Cordoba, Dr.Rodolfo Borghese Presidente Comites di Cordoba, Dr.Santiago Bordabossana , Dr. Mario Borghese Representante MAIE



Buenos Aires

Venerdí prossimo 24 aprile si ricorderà a Buenos Aires il 64º anniversario della Liberazione. L'appuntamento, come è ormai tradizionale, si svolgerà in Piazza Italia, di fronte al monumento a Giuseppe Garibaldi, alle ore 11. L'invito ai connazionali a partecipare alla cerimonia è stato diramato dall'Ambasciatore d'Italia in Argentina, Stefano Ronca, dal Console Generale d'Italia a Buenos Aires, Giancarlo M. Curcio, dal Presidente della Associazione Nazionale Partigiani Italiani -ANPI- sede Argentina, Renato Zanchetta, e dal Presidente della FVL, Manfredo di Montezemolo.

Il programma prevede l'esecuzione degli inni nazionali, la deposizione di corone e i discorsi celebrativi per mantenere vivi i nostri valori e la nostra memoria.

All'iniziativa aderiscono il CGIL Nazionale, il Patronato INCA Argentina, il Sindacato Pensionati Italiani (SPI), la Fondazione Giuseppe Di Vittorio di Roma, con l´importante contributo della l'Associazione Insieme Argentina e il Circolo Sandro Pertini di Rosario.

CURSOS DE ITALIANO EN CALABRIA

iscapi.jpg

En virtud del acuerdo realizado entre nuestra Red y el ISCAPI (Istituto Superiore Calabrese di Politiche Internazionali) invitamos a aquellas personas que posean un nivel medio de idioma italiano a participar de un curso de idioma italiano que se realizará en Calabria durante todo el mes de julio de 2009,
Las condiciones de participación:
- Ser mayor de edad,
- Con conocimiento de idioma italiano oral y escrito (se hará una evaluación para la selección de los participantes)
- Concurrir durante todo el mes de julio a los cursos de italiano y a las actividades programadas por el ISCAPI,

Se ofrece:
-Estadía en alguna de las siguientes ciudades de Calabria: Fuscaldo, Cosenza o Santa Severina, (el lugar podría modificarse por cuestiones de organización del ISCAPI, pero siempre el curso se desarrollará en Calabria)
-Pensión completa,
-Curso de italiano y actividades extracurriculares,
-Traslados dentro de Calabria durante el periodo que dure el curso.

Los cupos son limitados.
A los interesados les solicitamos enviar sus datos personales a: empresariocalabres@sinectis.com.ar



A esto podemos agregar que las clases seran de lunes a viernes, y, que no incluye los pasajes hacia y desde Calabria del estudiante, que estos cursos son organizados por el ISCAPI junto a algunos municipios calabreses (quienes se hacen cargo de la estadia y comidas), estos cursos se vienen realizando desde hace algunos años con muy buena participacion, este año hemos recibido alrededor de 50 solicitudes, como logicamente no hay tantos cupos estamos enviando toda la informacion al ISCAPI quien es el que en definitiva decidira sobre quienes participen, no se si he respondido a todas las inquietudes, estamos a su disposicion.

Cordiales saludos.

Red Empresarios Calabreses

CONSULTAS AL PADRON ELECTORAL ARGENTINO

SI SOS DESCENCIENTE DE ITALIANOS O TENE INTERESA CONOCER MAS SOBRE NOSOTROS VISITA LA SECCION PRINCIPAL DE NUESTRO SITIO WWW.COMITESCORDOBA.ORG.AR DONDE PODRAS INFORMATE SOBRE CIUDADANIA - BECAS - CULTURA -EVENTOS CULTURALES - PROYECTOS DE FORMACION Y VIDA SOCIAL DE LA COMUNIDAD ITALIANA EN EL EXTERIOR.

ELECCIONES CORDOBA PROVINCIALES 2011
CONSULTAR PADRON PROVINCIAL por teléfono, al 0800 555 8686 o por Internet. Los sitios web disponibles son EN EL SIGUIENTE LINK=> http://www.eleccionescordoba.com.ar


Argentina Elecciones 2011: la Cámara Nacional Electoral informa cómo consultar padrones provisorios


EN EL SIGUIENTE LINK=> PADRON ELECTORAL 2011


La consulta podrá realizarse a partir de este viernes a través de Internet o en forma telefónica. Es indispensable para quienes votan por primera vez y para aquellos electores que hicieron un cambio de domicilio desde la última elección. Los detalles

La Justicia Nacional Electoral, continuando con la implementación de las medidas necesarias para optimizar el proceso electoral y a los efectos de lograr mayor inmediatez en la actualización de los padrones con miras a las próximas elecciones nacionales -primarias, abiertas, simultáneas y obligatorias, y comicios generales- pone a disposición de la ciudadanía los datos registrales constitutivos de los padrones a fin de posibilitar que los electores puedan verificarlos y, en su caso, solicitar las correcciones a que hubiera lugar.
Por tal motivo la Cámara Nacional Electoral dispuso la publicación de los padrones de distrito en las Secretarías Electorales de todo el país, en el sitio Web www.padron.gob.ar, y en el del Centro de Información Judicial www.cij.gov.ar, y mediante la consulta telefónica gratuita al 0800-999-PADRON(7237) a partir del viernes 11 de marzo y hasta el jueves 31 inclusive, y recomienda a la ciudadanía que verifique su correcta inclusión en el padrón electoral y que, en caso de ser necesario, formule el reclamo correspondiente.
Esta consulta resulta indispensable para quienes votan por primera vez, como así también para aquellos electores que hayan efectuado un cambio de domicilio desde la última elección.

Consulta Padron Electoral 2011

Consulta on line del padrón electoral oficial de la Cámara Nacional Electoral Argentina, dependiente del Poder Judicial de la Nación.

La consulta disponible y habilitada por la Cámara Nacional Electoral, permite consultar ingresando el DNI, LC, CE, sexo y distrito o provincia los datos obrantes en el padrón electoral que se utilizará para las próximas elecciones. Si Ud no figura o ante cualquier duda deberá dirigirese a la Secretaría Electoral correspondiente a su domicilio registrado en su documento personal.

Para consultar este sitio es importante que observe la barra de navegación de su explorador web y habilite la opción de ventanas emergentes o ventanas pop-up, de lo contrario se cerrará la ventana y no podrá realizar la consulta.

TERREMOTO IN ABRUZZO

Le vittime, ecco l'elenco parziale
I nomi delle persone finore riconosciute morte nel terremoto che ha colpito l'Aquila. L'elenco è ancora parziale e sarà aggiornato in base ai dati ufficiali forniti dalla Protezione civile


Le vittime.doc

Elenco Provisorio al 8 Aprile 2009






In relazione al sisma che ha colpito l'Abruzzo, il Dipartimento di Protezione Civile segnala che per quanto concerne notizie circa cittadini italiani o stranieri eventualmente presenti nella zona del sisma, ha attivato la propria sala operativa per fornire i ragguagli attualmente disponibili (numero di telefono: +39 06 68201; indirizzo di posta elettronica: salaoperativa@protezionecivile.it




Terremoto in Abruzzo oltre 150 morti, 70.000 sfollati Estratti vivi 6 studenti 15 ore dopo il sisma

ansa_15489351_15140.jpg

Il terremoto di magnitudo 6,3 Richter, ha colpito la zona intorno al capoluogo abruzzese poco prima delle 3.30. Almeno 26 i Comuni interessati. Castelnuovo descritto come un ammasso di macerie. Onna rasa al suolo: "Venti vittime, 40 sotto le macerie". Tra le vittime parecchi bambini. Oltre mille e 500 i feriti. All'Aquila ha ceduto un albergo e la Casa dello studente. Polemica sull'ospedale dall'Aquila reso inagibile dal sisma: trasferiti tutti i ricoverati. Bertolaso: "La peggiore tragedia dall'inzio del millennio". Dichiarato lo stato d'emergenza. Continuano le scosse di assestamento. Il presidente della Provincia dell'Aquila attacca il sottosegretario alla Protezione civile: "L'allarme dei giorni scorsi è stato sottovalutato". Berlusconi in Abruzzo: "Non era possibile prevedere il terremoto". Sedici-ventimila posti letto per gli sfollati. La scossa avvertita con forza nella Capitale. In arrivo uomini e mezzi da tutta Italia. Primi arresti per sciacallaggio. La preoccupazione di Napolitano ("Solidarietà mondiale ci conforta"), la preghiera del Papa per i bambini morti. Aiuti dalle altre regioni e dall'estero

Terremoto in Abruzzo, solidarietà e aiuti

Il Dipartimento della Protezione civile ribadisce l'appello a non improvvisarsi soccorritori e fornisce alcuni consigli utili per gestire l'emergenza. La Caritas ha attivato un fondo di solidarietà mentre la Croce Rossa italiana sta organizzando punti di raccolta di generi di prima necessità. Stop alle donazioni di sangue


Dopo la scossa di terremoto avvertita intorno alle 3 e mezza di questa notte in Abruzzo e nel Lazio, le colonne mobili della Protezione civile di Lazio, Umbria, Toscana, Campania sono partite immediatamente per i soccorsi, seguite da quelle delle altre regioni. La procedura di emergenza prosegue con l’allerta nazionale dei vigili del fuoco.

Ecco una serie di indicazioni utili per esprimere solidarietà e dare un aiuto concreto alle popolazioni colpite dal sisma:

Conti correnti e donazioni

Il quotidiano "il Centro" di concerto con il gruppo editoriale
Finegil-Repubblica-L'Espresso e con le Casse di risparmio dell'Aquila -
Carispaq, di Pescara - Caripe e di Teramo - Tercas
lancia una sottoscrizione popolare per aiutare le famiglie
aquilane sconvolte dal sisma.
Chiunque volesse contribuire con una somma in denaro può farlo utilizzando
i numeri di conto corrente sotto elencati:

Banca CARISPAQ SPA
"Vittime terremoto L'Aquila"
Codice Iban: IT 53 Z 06040 15400 000 000 155 762

Banca CARIPE SPA
"Raccolta fondi pro terremotati d'Abruzzo"
Codice Iban: IT 19 B 06245 15410 000 000 000 468
presso Banca Caripe Spa Sede Pescara
Corso Vittorio Emanuele 102/104 - Pescara.

Banca TERCAS SPA
"Raccolta fondi pro terremotati d'Abruzzo"
Codice Iban: IT 48 L 06060 15300 CC 090 005 35 65
presso Banca Tercas Spa Sede Teramo
corso San Giorgio 36 - Teramo.


La Caritas diocesana Italiana ha istituito un fondo di solidarietà promuovendo una colletta per aiutare la popolazione abruzzese.
Per sostenere gli interventi in corso (causale “TERREMOTO ABRUZZO”) si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramite C/C POSTALE N. 347013 o tramite UNICREDIT BANCA DI ROMA S.P.A. IBAN IT38 K03002 05206 000401120727

Offerte sono possibili anche tramite altri canali:

Intesa Sanpaolo, via Aurelia 796, Roma - Iban: IT19 W030 6905 0921 0000 0000 012
Allianz Bank, via San Claudio 82, Roma - Iban: IT26 F035 8903 2003 0157 0306 097
Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma - Iban: IT29 U050 1803 2000 0000 0011 113
CartaSi e Diners telefonando a Caritas Italiana tel. 06 66177001 (orario d’ufficio)


C'è anche il fondo della Caritas diocesana di Roma. È possibile contribuire alla colletta di solidarietà con: Versamenti c/c postale - numero di conto corrente postale 82881004 (IBAN: IT77K0760103200000082881004) intestato a Caritas diocesana di Roma, specificando nella causale «Terremoto Abruzzo»; Bonifico bancario - IBAN: IT13R0306905032000009188568, specificando nella causale "Terremoto Abruzzo".

Anche la Caritas Ambrosiana, che fa capo alla Diocesi di Milano, ha avviato una raccolta fondi aprendo un conto corrente. E' possibile sin d'ora esprimere concreta solidarietà partecipando alla "raccolta fondi - causale Terremoto Abruzzo 2009 - donazione diretta presso l'Ufficio raccolta fondi di Caritas Ambrosiana, via San Bernardino 4, Milano (orari: dal lunedì al giovedì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30 e il venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30)- conto corrente postale n. 13576228 intestato a caritas ambrosiana onlus - conto corrente bancario n. 578 - cin p, abi 03512, cab 01602 presso l'agenzia 1 di milano del credito artigiano e intestato a caritas ambrosiana onlus iban: it16p0351201602000000000578. Oppure donazione telefonica tramite carte di credito chiamando il numero 02.76.037.324 in orari di ufficio.

La Croce Rossa Italiana ha lanciato un appello di emergenza a livello internazionale, chiedendo a tutta la popolazione di "partecipare ad un grande sforzo di solidarietà per alleviare la sofferenza di tutte le vittime del terremoto" . Per effettuare donazioni alla Croce Rossa Italiana si possono utilizzare: il Conto corrente bancario C/C n. 218020 presso Banca Nazionale del Lavoro-Filiale di Roma Bissolati - Tesoreria - via San Nicola da Tolentino 67 - Roma, intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana 12 - 00187 Roma, codice Iban IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020, causale pro terremoto Abruzzo; il Conto corrente postale n. 300004 intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana 12 - 00187 Roma, codice Iban IT24 - X076 0103 2000 0000 0300 004, causale pro terremoto Abruzzo. E' anche possibile effettuare dei versamenti online, attraverso il sito web della Cri.

Aiuti e raccolte
La Croce Rossa ha aperto la sala operativa nazionale di Legnano e i Centri interventi d'emergenza (Cie) di Verona, Roma, Potenza e Palermo per la raccolta di generi di prima necessità (coperte, vestiti, pannolini, latte in polvere, casse d'acqua) da spedire nelle zone terremotate. La Cri ha anninciato di avere già inviato nelle zona del disastro 10 mila coperte per fare fronte alle primissime esigenze delle persone rimaste senza abitazione.
L'associazione ambientalista "Fare ambiente" sta coordinando la raccolta di materiali di prima necessità presso la propria sede di Roma, in Via Nazionale, 243, tel. 06 48029924.
Su Facebook si moltiplicano i gruppi che organizzano iniziative di solidarietà per le vittime della tragedia e i paesi coinvolti nel disastro. Anche Legacoop Nazionale e Legacoop Abruzzo si sono attivate distribuire generi di prima necessità, e in particolare acqua e latte, in coordinamento con la Croce Rossa. Ulteriori e più articolate iniziative di solidarietà e di sostegno alla popolazione dei centri colpiti dal sisma saranno definite nelle prossime ore, per rispondere alle esigenze che si manifesteranno ed in linea con le indicazioni che verranno fornite dalla protezione civile.

Donazione di sangue
Il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi chiede che vengano sospese le donazioni di sangue. "Abbiamo sangue a sufficienza e ringraziamo tutti coloro che lo hanno donato", ha precisato Chiodi, "i centri trasfusionali regionali non sono più in grado di accogliere altre donazioni". Al momento - precisa l'Avis di Bologna - "le unità di sangue richieste dalle zone sismiche sono state già inviate". Appelli per la donazione di sangue erano stati lanciati nelle prime ore di questa mattina sia dal ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, che dal presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo.

Soccorsi
Da tutto il Lazio circa 40 squadre con più 200 volontari hanno raggiunto le zone di ammassamento in Abruzzo e sono a disposizione della Protezione civile nazionale per le operazioni di soccorso. Altrettante sono state allertate e sono pronte a operare. La Protezione civile regionale ha messo a disposizione dei soccorsi tre elicotteri regionali normalmente utilizzati per la lotta agli incendi, mentre i volontari della Protezione civile del Lazio hanno già portato in Abruzzo centinaia di tende per ospitare persone, 3 cucine da campo, mezzi per il movimento terra come ruspe, bobcat ed escavatori, oltre a torri faro per garantire con le fotoelettriche i soccorsi anche dopo il tramonto. Intervenute anche squadre di volontari con unità cinofile. La Protezione civile ribadisce l'appello a non improvvisarsi soccorritori: "Le operazioni di soccorso vanno effettuate da coloro che sono in grado di farlo. Ci sono centinaia di uomini sia delle componenti istituzionali che volontari della Protezione civile ma comunque si tratta di professionisti".

La Protezione civile Abruzzo ha messo a disposizione un numero attivo 24 ore su 24 per richiedere informazioni: 80.35.55

I capi scout dell'Agesci (Associazione guide e scout italiani) sono stati autorizzati dalla Protezione civile a partecipare alle operazioni di soccorso. L'organizzazione degli scout sta preparando, come sempre in casi di emergenza, in tutte le regioni le schede di partecipazione per i capi scout che vorranno prendere parte alle operazioni. La Croce Rossa è già arrivata nella Regione con attrezzature sanitarie, tra cui un Posto medico avanzato e le unità cinofile e gli ospedali romani sono stati tempestivamente posti in stato di allerta per l’eventuale accoglienza di feriti gravi provenienti dalle zone colpite dal sisma. Croce Rossa Italiana sta organizzando anche una raccolta a livello nazionale per far confluire tutto il necessario nell’area colpita dal terremoto.

I consigli
Il Dipartimento della Protezione Civile raccomanda di:
- non mettersi in viaggio verso i luoghi colpiti dal terremoto;
- limitare al massimo l'uso del telefono, per agevolare tutte le operazioni di soccorso e lasciare libere le linee agli operatori, evitando sovraccarichi di rete.

Cosa fare in caso di terremoto:
- Cercate riparo all'interno di un vano di una porta inserita sotto un muro portante o sotto una trave: se rimanete al centro della stanza, infatti, potreste essere feriti dalla caduta di vetri, intonaco o altro materiale.
- Non precipitatevi per le scale: dopo una scossa sismica sono la parte più debole di un edificio. Per lo stesso motivo non usate l’ascensore che potrebbe bloccarsi.
- Alla fine della scossa ricordatevi, prima di uscire di casa, di chiudere gli interruttori generali del gas e della corrente elettrica per evitare di innescare incendi e deflagrazioni.
- Da ultimo vi ricordiamo di non bloccare le strade con le auto: lasciatele libere per i mezzi di soccorso.

http://canali.kataweb.it/kataweb-consum ... a-e-aiuti/

CONFERENZA SU PARI E OPPORTUNITA

El miércoles 1 de abril el Com.It.Es de Córdoba y la Asociacion Dante Alighieri de Intercambio Cultural Argentino Italiano de Cordoba briandaron un seminario sobre Pari e Opportunita en el trabajo y en la sociedad acargo de la Dottoresa Ivana Veronose - Consigliera Pari e Opportunita della Provincia di Padova - (Regione Veneto), estuvieron presentes representantes de Asociaciones Italianas de la Ciudad de Córdoba.

IMG_0374.JPG

IMG_0376.JPG

IMG_0377.JPG

IMG_0380.JPG

IMG_0384.JPG

.

PROGETTO S.A.L.T.O - AGENTE DI SVILUPPO LOCALE 2009

En el marco del Progetto Salto que se lleva desarrollando en nuestra Provincia de Cordoba, el pasado día Martes en la Sede del Com.It.Es de Cordoba se llevo acabo la entrega de Certificados a los alumnos que participaron del curso de "Agente di Sviluppo Locale 2009" que se realizo durante el mes de Marzo en nuestra ciudada, la entrega de certificados la hicieron personalmente las autoridades del Progetto Salto de la Provincia di Padova (Regione Veneto)
salto4.jpg

salto3.jpg

salto2.jpg

salto1.jpg



Programma del corso

1. Descrizione globale della realtà argentina e della provincia di Cordoba;

2. Descrizione globale della realtà italiana, della provinciali Padova nel contesto del modello veneto di sviluppo; la regione del Piemonte;

3. La pianificazione e il marketing territoriale;

4. Concetto di sviluppo locale sostenibile;

5. Politiche partecipative strategiche sviluppo di vantaggio competitivo: i distretti industriali;

6. Modelli di sviluppo e creazione di rete tra gli attori del territorio, buone prassi italiane e argentine. Il modello di Rio Cuarto e la sua replicabilità nelle micro regioni;

7. Il ruolo dell’associazionismo pubblico e privato nello sviluppo locale;

8. Comunicazione esterna e creazione di reti tra il partenariato nazionale e internazionale;

9. L’implementazione di strategie e marchi di qualità locale (identità e competitività); strumenti operativi per la sua implementazione;

10. I modelli di gestione d’impresa finanziaria e operativa per generare relazioni tra enti, istituzioni, imprese e attori argentini e italiani. Descrizione del progetto Salto e del partenariato

22 MARZO - ODINO FACCIA AL TEATRO COLISEO

coliseo.jpg



Buenos Aires - Il cantante Odino Faccia al Teatro Coliseo

Il Consolato Generale d'Italia a Buenos Aires, invita al Concerto che l’artista italo-argentino Odino Faccia dedica a tutta la collettività in occasione della sua nomina quale "La Voce per la Pace nel Mondo", domenica 22 marzo alle 18, nel Teatro Coliseo Marcelo T. de Alvear 1125, Buenos Aires. L’ingresso é libero e gratuito a partire dalle 16 ore.

En Noticias

Circoscrizione Consolare Cordoba

Links